Perde all’ultimo tiro un’Olimpica che già si sentiva la vittoria in tasca. Così il giovane Bernardi segna l’unico canestro della partita a fil di sirena e ammutolisce il paladileo. Periodo no ancora vivo per i gialloblu che dopo aver perso a Manfredonia dopo due supplementari, si lascia sfilare la vittoria contro l’Adria Bari dopo aver condotto per tutta la gara. Non aveva brillato nei primi due quarti la squadra di casa, ma nel terzo ed ultimo quarto aveva dato il meglio di se, tenendo sempre a distanza di sicurezza i caparbi atleti baresi. Ma, come già detto negli ultimi secondi Bacchini fa uno su due dai liberi (molti comunque i tiri liberi lasciati per strada dall’Olimpica durante l’incontro), lasciando ai baresi gli ultimi 6 secondi che come detto risulteranno fatali. Inutile recriminare, il basket è questo bisogna accettare il risultato del campo, fare i complimenti all’Adria Bari che non ha mai mollato e sperare che qualcosa accada e la squadra inizi a girare per il verso giusto. Mercoledì 23 Dicembre ultima giornata di andata e l’Olimpica va a far visita all’Ostuni di Mimmo Morena che ha gli stessi punti della squadra gialloblu dove tutte e due le compagini si giocano speranze importanti per il prosieguo del torneo.

OLIMPICA FERTECH ECOLAV 68 ADRIA BARI 69

Truvillon 27, Barreiro 13, Degiorgio 2, Altamura 9, Romano 3, Okon 2, Vuovolo 2, Bacchini 8, Teofilo 2, Mansi.

CONDIVIDI