Fatica più del previsto contro l’ultima in classifica, l’Audace Cerignola: al “Monterisi” finisce 3-0 per gli ofantini, ma il Quartieri Uniti Bari regge per quasi 70 minuti, cedendo poi alla distanza. Gallo, in considerazione dell’avversario ed in vista della semifinale di coppa Italia di giovedì, propone una formazione quasi inedita: confermato Vurchio in porta, in difesa ci sono Grimaldi ed Angelo Colucci insieme a Colangione; Conte e Gabriele Grieco in mediana, con Russo e Borrelli sulle corsie esterne; nel reparto avanzato il rientro di Lasalandra dal 1′, in compagnia di Dipasquale e Monopoli. L’Audace parte non spingendo troppo sull’acceleratore, anche se proprio Lasalandra al 10′ è autore della prima azione pericolosa: il sinistro in controbalzo lambisce il palo alla sinistra del portiere. I padroni di casa cercano di imbastire le migliori trame possibili, anche se trovano nel terreno di gioco un rivale assai infido; il Quartieri Uniti Bari, nonostante lo spregiudicato 4-3-3 allestito da Maurelli, contrappone null’altro che una buona disposizione tattica, non presentandosi mai dalle parti di Vurchio. Dopo la mezzora, un cross di Grimaldi genera una mischia, che non vede però nessun gialloblu concludere a rete: nell’ultimo spezzone della frazione Russo e Monopoli si scambiano le fasce di competenza, i cerignolani collezionano fuorigioco in serie e lo stesso Monopoli prova a pescare il jolly dal limite dell’area, senza fortuna. Si va all’intervallo quindi sul risultato di partenza.

Al rientro dagli spogliatoi, Gallo sostituisce Angelo Colucci e si affida a Schiavone per dare geometria nell’impostazione, poi è il turno di Sebastiano Colucci che rileva Gabriele Grieco. I neoentrati forniscono quella scossa necessaria per scardinare la resistenza barese: l’esterno mancino serve Dipasquale, che di testa sottomisura spedisce alto, a seguire fiammata del Quartieri Uniti con Grimaldi che sbroglia una pericolosa situazione nei sedici metri locali. La svolta arriva al 66′: Colucci, con un inserimento dei suoi, conquista un rigore che Conte (spiazzato Mazzone), trasforma per il vantaggio delle “cicogne”. Al minuto 74′ il raddoppio: corner battuto velocemente con Lasalandra che pesca tutto solo sul secondo palo Dipasquale, inzuccata in corsa e settimo centro del bomber in campionato. Il capitano serve Flavio Amoruso -subentrato a Lasalandra- appostato in area piccola, l’attaccante però si trova il pallone arretrato e calcia alto sulla traversa. Dipasquale chiude i conti mettendosi in proprio (89′): parte dai venti metri, evita due difensori, prosegue la sua corsa ed all’altezza del dischetto supera per la terza volta Mazzone. Quindicesima vittoria in diciassette giornate per l’Audace e distacco sulla seconda (adesso lo Sporting Ordona) dilatato a diciassette punti: giovedì c’è il Real Noci per l’andata delle semifinali di coppa Puglia, domenica prossima poi il confronto diretto in campionato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

AUDACE CERIGNOLA-QUARTIERI UNITI BARI 3-0

Audace Cerignola: Vurchio, Grimaldi, Colucci A. (46′ Schiavone), Conte, Colangione, Borrelli, Russo, Grieco Gabriele (53′ Colucci S.), Dipasquale, Lasalandra (74′ Amoruso F.), Monopoli. A disposizione: Marinaro, Matera, Morra, Pellegrino. Allenatore: Massimo Gallo.

Quartieri Uniti Bari: Mazzone, Stallone, Cantalice, Vernone (81′ Cancellato), Tota, Spina, Albaceli, Montrone, Stringano, Damiani, Patruno. A disposizione: De Tullio, Maurelli. Allenatore: Salvatore Maurelli.

Reti: 67′ Conte (rig.), 74′ ed 89′ Dipasquale.

Ammoniti: Tota, Spina (QUB).

Angoli: 9-3. Fuorigioco: 12-3. Recuperi: 0′ pt, 2′ st.

Arbitro: Vittoria (Taranto). Assistenti: Capuano-Fortunato (Barletta).

CLASSIFICA ALLA DICIASSETTESIMA GIORNATA

Audace Cerignola 47; Sporting Ordona 30; Reali Siti, Modugno (ex Nuova Molfetta) 29; Madre Pietra Apricena 26; Canosa, San Marco, Fortis Altamura, Ascoli Satriano 24; Monte Sant’Angelo 22; Rinascita Rutiglianese, Real Noci 21; Virtus Bitritto 20; Polimnia 18; Giovinazzo 13; Quartieri Uniti Bari 3.

CONDIVIDI