Lo sport d’oltre manica sbarca nel centro ofantino grazie all’impegno della neonata Asd Cerignola Rugby, con un’iniziativa che vedrà la selezione under 16 durante alcune fasi di allenamento aperto al pubblico. L’evento, che si svolgerà lunedì 11 gennaio, a partire dalle ore 17:00, presso la struttura Cercat di Cerignola, vedrà impegnata la nuova società cerignolana nel difficile, quanto ambizioso, percorso di sdoganamento di uno sport meno blasonato, com’è appunto il rugby, nella nostra realtà.

Abbiamo raggiunto il Vice Presidente dell’associazione, per capire meglio lo spirito che ha mosso una simile iniziativa: «Lo spirito dell’iniziativa è quello di portare uno sport nuovo a Cerignola, uno sport che punta ancora su valori che vanno sempre più scomparendo – dichiara a lanotiziaweb.it Luigi Martiradonna -. Questi valori sono il rispetto dell’avversario, perché grazie alla sua presenza in campo si può disputare la partita altrimenti sarebbe una gara podistica con un pallone in mano; ancora, il rispetto delle regole e della figura dell’arbitro, perché proprio grazie alle regole, il gioco del rugby, definito dalla bibliografia “sport di lotta di contatto e di continua opposizione” non si trasforma in violento; infine, il rispetto dei compagni in quanto il gioco del rugby essendo sport di squadra per eccellenza senza il sostegno di tutta la squadra non si può segnare una meta, l’individualismo non esiste perché sarebbe un 15 vs 1».

E’ stato interessante snocciolare anche quelli che sono i propositi della nuova società, sempre nello spirito dell’aggregazione e della crescita educativa che gli sport di squadra sono soliti disegnare: «Le proposte che abbiamo per quest’anno sono di far avvicinare i bambini al gioco del rugby – racconta Martiradonna -; la mia prerogativa è lavorare con categorie che partono dalla under 8 in su, perciò coinvolgere i bambini delle scuole primarie. Inoltre, terrò degli allenamenti per i senior perché sto avendo delle richieste. Ad ogni modo è bene precisare che per portare il rugby a Cerignola e farlo crescere nei prossimi anni servirebbe un campo omologato ad ospitare un campionato e alcuni sponsor – precisa il responsabile dell’Associazione – ma questi sono progetti più a lungo termine, per il momento quello che a me servirebbe è un campo idoneo a ospitare gli allenamenti e in seguito le partite». 

In chiusura, una breve battuta sull’evento di lunedì, primo ed unico nella città di Cerignola e, si spera, propedeutico alla fioritura di un nuovo sport: «Per l’evento di lunedì verrà una selezione pugliese di 40 ragazzi under 16 a disputare una partita/allenamento; saranno presenti il Presidente della comitato pugliese Fir, Grazio Menga, il tecnico regionale FIR, Maurizio Assenti, il delegato provinciale Fir, Metteo Ricucci, il tecnico nazionale Francesco Hostiè, il responsabile nazionale – nazionali giovanili area sud – Gino Donatiello, e forse verrà anche il responsabile nazionale del settore scuola Franco Salierno. L’amministrazione si è messa a disposizione per ospitare questo evento, attraverso l’Assessore Carlo Dercole, rispondendo positivamente mettendo a disposizione la struttura; spero solo che mi venga data la disponibilità di uno spazio per gli allenamenti e per le prime. La federazione italiana rugby – conclude Martiradonna – vede in Cerignola un punto cruciale per le attività federali».