Grandissimo spettacolo al “Monterisi”, nell’andata delle semifinali di coppa Italia di Promozione: l’Audace Cerignola compie in zona Cesarini la rimonta sul Real Noci, prevalendo 2-1. Formazione tipo o quasi per gli ofantini: Marinaro torna in porta e ci sono Grimaldi e Matera in difesa assieme a Colangione; centrocampo con Monopoli-Conte-Schiavone-Colucci; Lasalandra, Dipasquale e il rientrante Flavio Amoruso in attacco. I padroni di casa spingono subito sull’acceleratore: Conte dalla distanza manda alto, poi una pregevole triangolazione Colucci-Lasalandra-Dipasquale è sventata da Netti, sul bolide del capitano. Funziona la corsia mancina: Lasalandra suggerisce per Colucci, il cui sinistro in corsa incoccia la parte alta della traversa. Il Real Noci non sta a guardare e Salvati vede deviato in corner un tiro da buona posizione. Il Cerignola però sfoggia tutte le sue qualità di palleggio, sfruttando il campo in ampiezza e profondità: Schiavone ispira Lasalandra, che trova il salvataggio sulla linea di Pascullo; sul ribaltamento di fronte, al 21’ D’Onghia pesca Salvati tutto solo in area, colpo di testa vincente e 0-1 ospite. I gialloblu ripartono con maggior furore: Schiavone (fra i migliori in campo) esalta nuovamente Netti, il quale respinge di piede un sinistro su sponda di Dipasquale. Lo stesso centrocampista si guadagna l’ennesimo penalty stagionale, ma dagli undici metri Lasalandra calcia centralmente ed il portiere barese blocca (34’). E’ prodigioso poi il riflesso del numero uno biancoverde sul colpo di testa ancora di Lasalandra, toccando in angolo con la punta delle dita. Conte fa partire un diagonale che finisce fuori di un soffio, Marinaro si produce in una parata difficoltosa su D’Onghia in un primo tempo in cui Netti tiene avanti i suoi, vanificando i molteplici assalti locali.

Ad inizio ripresa, l’Audace si scopre e rischia in un paio di occasioni, anche se Marinaro fa buona guardia su Salatino e Salvati. Gallo opera un doppio cambio: fuori Amoruso e Monopoli, dentro Morra e Russo; Morra e Dipasquale si ostacolano, l’inzuccata di quest’ultimo è alta. Ora è preferita la corsia di destra dai cerignolani, tuttavia Netti sembra insuperabile, opponendosi alla bordata dell’ariete. Pur avendo speso tanto ed in un match che appare ormai stregato, il Cerignola trova la forza per piazzare la strepitosa rimonta: sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina, Morra sulla destra fa giungere la sfera a Colangione che, da attaccante consumato, incrocia e non dà scampo stavolta a Netti (84’). Poco più di un giro di lancette ed una scattante ripartenza è finalizzata da Dipasquale, che sembra allungarsi la palla ed invece con un guizzo deposita in rete sullo slancio: ribaltone effettuato e tutto lo stadio in euforia. I gialloblu avrebbero anche l’opportunità per il tris, solo che il pallonetto di Morra su svarione di Pascullo si spegne appena a lato. Ultime scaramucce del Real Noci nei cinque minuti di recupero, ma il risultato resta invariato: l’Audace tra due settimane partirà con un minimo ma fondamentale vantaggio per la conquista della finalissima. Tra tre giorni, in campionato si replica, in casa dei nocesi.

AUDACE CERIGNOLA-REAL NOCI 2-1

Audace Cerignola: Marinaro, Grimaldi, Colucci S., Conte, Colangione, Matera, Monopoli (59’ Russo), Schiavone, Dipasquale, Lasalandra, Amoruso F. (59’ Morra). A disposizione: Vurchio, Fiorino, Borrelli, Ciano, Casieri. Allenatore: Massimo Gallo.

Real Noci: Netti, Lucia, Mangini A., Calicchio, Pascullo, Recchia F., D’Onghia (81’ Intini), Lippolis F., Salvati, Laera, Salatino (71’ Mangini V.). A disposizione: Parchitelli, Matarrese, Recchia A., Genco, Lippolis T.. Allenatore: Michele Perillo.

Reti: 21’ Salatino (RN), 84’ Colangione, 85’ Dipasquale.

Ammoniti: Dipasquale (AC); Netti, Calicchio, Pascullo, Salvati (RN).

Angoli: 10-2. Fuorigioco: 9-4. Recuperi: 0’ pt, 5’ st.

Note: Netti al 34’ para rigore a Lasalandra (AC).

Arbitro: Carrer (Barletta). Assistenti: Fumarulo-Vitobello (Barletta).

CONDIVIDI