A tre giorni dal primo round in semifinale di coppa Italia, il calendario di Promozione offre il secondo confronto ravvicinato fra Real Noci ed Audace Cerignola: la gara è valida per la 18ma giornata di campionato. Giovedì, al “Monterisi”, i ragazzi di Massimo Gallo hanno ribaltato la situazione con un micidiale uno-due firmato Colangione e Dipasquale, consegnando un piccolo ma pesante vantaggio da portare in dote nella sfida di ritorno. Un risultato per quanto visto soprattutto nel primo tempo, che sta anche forse stretto agli ofantini, i quali si sono imbattuti in un Netti in giornata di grazia ed in qualche imprecisione sottoporta. Ciò che non cambia invece, è l’attitudine e la mentalità vincente, caratteristiche con le quali l’Audace ormai convive da un anno e mezzo con un unico comune denominatore: appunto, la vittoria. In una giornata in cui i gialloblu sono andati sotto nel punteggio (cosa abbastanza rara negli ultimi tempi), è l’esperienza dei suoi maggiori elementi a tirar fuori grinta e voglia di non mollare mai, persino quando le cose non sembrano in apparenza andare per il verso giusto. Gli autori dei gol infrasettimanali su tutti, ma l’anima del Cerignola si trasmette pure nella regia e nei chilometri di Schiavone, nella generosità di Conte, nella travolgente fisicità di Morra. Si torna all’appuntamento domenicale con un +17 sullo Sporting Ordona ed il 3-0 ottenuto col Quartieri Uniti Bari domenica scorsa: il vantaggio sulle inseguitrici si dilata di settimana in settimana. Nella giornata di mercoledì, Giuseppe Grieco si è sottoposto ad intervento chirurgico per ricostruire il legamento crociato del ginocchio destro: al centrocampista l’augurio di una immediata guarigione e di un pronto ritorno all’attività agonistica. Capitolo formazione: a Grieco si è aggiunto giorni fa fra gli indisponibili Daniele Amoruso (stiramento), così si va verso la conferma della coppia mediana Schiavone-Conte. La bella prestazione in coppa sia di Morra che di Russo potrebbero valere una maglia da titolare, mentre in retroguardia torna dopo la squalifica Ciano.

Il Real Noci è sesto in classifica, con 24 punti ed uno score complessivo di sei vittorie, sei pareggi e cinque sconfitte: i playoff, obiettivo societario, sono distanti due punti e con la bagarre in atto dalla seconda piazza in giù, i baresi potrebbero competere fino all’ultimo per un posto al sole. L’avvio stentato di torneo (quattro punti in cinque partite) era costato il posto a Dalena, poi è toccato a Ricci, ora sulla panchina nocese siede Michele Perillo: per centrare gli spareggi promozione, sono stati effettuati degli interventi nel mercato di riparazione, con arrivi e partenze distribuiti fra difesa e centrocampo. Pascullo, Calicchio e Genco i volti nuovi, ma grande attenzione al già citato portiere Netti che assicura garanzie tra i pali, al capitano Laera ed al duo d’attacco Salatino-Salvati, con quest’ultimo attuale bomber del girone A con undici centri. I biancoverdi sperano di regalare una grossa soddisfazione ai propri tifosi: probabilmente anche il match del “De Luca Resta” sarà intenso ed avvincente. Calcio d’inizio alle ore 14.30, con la direzione di gara affidata al sig.Salentino, della sezione di Taranto.

CONDIVIDI