Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del sindaco Franco Metta, il quale ha partecipato ieri ad una conferenza dei sindaci sul tema del riordino della rete ospedaliera, con la presenza del direttore dell’Asl Fg, Vito Piazzolla. E’ emerso che la questione dell’eventuale ridimensionamento è tutta in divenire e che si può intervenire per scongiurare qualsiasi ipotetico declassamento dell’ospedale cittadino. Di seguito il testo integrale.

Esco moderatamente incoraggiato dalla Conferenza dei Sindaci sul tema del riordino della rete ospedaliera. Il Direttore Vito Piazzolla si è intrattenuto positivamente con i Sindaci (quelli presenti non raggiungevano il numero legale, ma questo è un problema di sensibilità, che gli assenti ingiustificati dovranno spiegare alle loro comunità).
Abbiamo capito:
1) che la bozza di riordino della rete ospedaliera è tutta in divenire;
2) che i margini di intervento sostanziale ci sono e sembrano ampi.
Questo è un bene. L’altro dato emerso è che il Direttore Piazzolla è pronto e disponibile a recepire e farsi portavoce delle istanze, delle proposte, delle idee dei Territori. Vedremo meglio in prosieguo. Oggi è, dunque, fondamentale il ruolo degli Amministratori locali nel fornire suggerimenti e indicazioni a chi dovrà individuare una soluzione di sintesi tra normative statali molto cogenti ed esigenze territoriali non eludibili. Occorre assumere, in questa fase, un atteggiamento non di sterile campanilismo, bensì di grande e lucida propositività. Coniugare raziocinio e costruttività, per fare in modo che il riordino non comprometta i servizi da garantire alle Comunità. Importante sarà offrire contributi seri, a cominciare dalla prossima riunione sul tema del Consiglio comunale. Chi si presenta con i soliti ordini del giorno sgocciolanti demagogia e luoghi comuni farà il solito vano esercizio di ricerca di visibilità fine a se stessa. Prepariamoci ad offrire contributi compiuti e validi. L’ospedale “Tatarella” si tutela solamente così.

CONDIVIDI
  • Bonetti

    Si prenderà meriti anche sull’Ospedale