Incentivare la videosorveglianza collegata con le centrali delle forze dell’ordine, come previsto nel protocollo firmato dal viceministro all’Interno, Fernando Bubbico, significa fare seria attività di prevenzione e costituisce un passo avanti nei livelli di sicurezza del territorio. E’ quanto auspica la Confesercenti Foggia tramite lo Sportello Legalità guidato da Franco Arcuri.

Pertanto la Confesercenti ha invitato alcune migliaia di associati, titolari di attività commerciali o imprenditoriali, a collegare gli impianti di videosorveglianza già installati, o da installare, alle centrali operative degli Organi di Polizia operanti sul territorio. «Tale attivazione – commenta Arcuri – consentirà alle forze dell’ordine di avere, in caso di atti criminosi come furti o rapine, una visione immediata della situazione  e di predisporre un rapido e tempestivo intervento delle pattuglie per bloccare sul fatto i criminali o rintracciarli subito dopo».

Si tratta di un aiuto prezioso che tutela non solo chi installa il sistema ma la intera collettività, potendo la videosorveglianza essere utile agli organi investigativi anche per individuare i responsabili di altri reati. «Oltre a tutelare le attività commerciali – riprende il responsabile dello Sportello Legalità di Confesercenti Foggia -, questo sistema dà un valido contributo alla sicurezza della città ed in tale prospettiva Confesercenti si augura che la Camera di Commercio ed i singoli Comuni particolarmente colpiti dalla criminalità predatoria, al fine di incentivarne la diffusione sul territorio, predispongano, come recentemente fatto dalla città di Barletta, bandi che prevedano contributi agli operatori che installino tali apparecchiature».

Chiarimenti o informazioni sulla attuazione, i singoli operatori possono richiederli all’indirizzo mail a sosimpresa@confesercentifg.it o tramite sms al numero 392 7132810.