Era stata annunciata l’apertura del centro comunale di raccolta dei rifiuti differenziati, sabato scorso alle 10.30. Forza Italia è fiera di vedere inaugurata in Zona Industriale una struttura da lei ideata e progettata. Adesso dopo la propaganda ci si augura che possa essere messa subito in funzione e che non rimanga inutilizzata, e di questo forza Italia sarà attenta. La struttura strategica a cui si è tagliato il nastro, è frutto di un finanziamento regionale del 2012 fortemente voluto da Forza Italia: un milione di euro, con un cofinanziamento del Consorzio di Igiene Ambientale Bacino Fg/4 pari a 400mila euro. L’iniziativa, nel 2012, fu intrapresa da 8 dei 9 Comuni del Consorzio e Cerignola riuscì ad accaparrarsi anche il finanziamento destinato alla rinunciataria Margherita di Savoia. In un primo momento il progetto prevedeva l’adeguamento ed il riutilizzo del locale accanto alla chiesa delle Fornaci, in uso alla Parrocchia di San Trifone. Poi la costruzione del Centro fu traslata in Zona Industriale, su un lotto di proprietà comunale di circa 2500 metri quadri. Si tratta dell’unico caso in Puglia di questa portata, realizzato da 8 Comuni.
Il centro di raccolta comunale è un area ove si svolge unicamente attività di raccolta, mediante raggruppamento per frazioni omogenee per il trasporto agli impianti di recupero, trattamento e, per le frazioni non recuperabili, di smaltimento, dei rifiuti urbani e assimilati conferiti in maniera differenziata rispettivamente dalle utenze domestiche e non domestiche anche attraverso il gestore del servizio pubblico, nonché dagli altri soggetti tenuti in base alle vigenti normative settoriali al ritiro di specifiche tipologie di rifiuti dalle utenze domestiche. Il progetto raccolta differenziata insito nel Centro che si è inaugurato fa parte di un progetto intrapreso da Forza Italia come il primo tassello verso la raccolta porta a porta. Completati i lavori, oggi bisogna dare seguito al progetto ideato e voluto fortemente da Forza Italia, far partire la raccolta differenziata porta a porta e portare il Centro al suo funzionamento.
CONDIVIDI