Le spoglie di San Pio da Pietrelcina, lasciata la dimora in San Giovanni Rotondo, sono giunte mercoledi 3 febbraio a destinazione, nella chiesa di San Lorenzo fuori le Mura. Giunte a Roma per volere del Papa, come sostengono i più maligni per dare maggior risalto al Giubileo della Misericordia ad oggi un po’ sottotono.

Il viaggio verso la capitale ha visto il coinvolgimento di molti fedeli che hanno invaso in più punti il percorso del santo: un’area di servizio nel foggiano, il casello autostradale di Sansevero, l’autogrill di Civita, vicino Roma. Molti anche i fedeli appostati sui cavalcavia per salutare con fazzoletti bianchi il passaggio del Santo.

No fly zone, protocollo di accoglienza degno di un capo di Stato, Roma bloccata. Le scene che si susseguono all’interno della Chiesa di San Lorenzo fuori le Mura hanno dell’inverosimile: lunghe file e selfie con le spoglie del santo.

La Regione Puglia ha regalato il viaggio al santo di Pietrelcina verso la Città Eterna con un contributo di 100 mila euro disposto dalla Commissione Bilancio dal fondo “spese impreviste” ed erogato in favore della Fondazione Voce di Padre Pio.

Non sono mancate polemiche su questo “viaggio” di padre Pio a Roma: Io mi chiedo, se quest’uomo fosse ancora vivo come avrebbe reagito a tutto questo business?”

“Curioso come la chiesa cattolica demonizzi rituali, cartomanzia, culto dei morti improprio ecc ecc e poi sta dietro a un cadavere da spostare di qua e di la, pezzi di cadavere o abbigliamento (sempre indossato da un cadavere) da venerare, ecc ecc. Come sono strane queste percorelle del signore!”

“Da pugliese dico che è una vergogna. il consiglio regionale della Puglia, la sanità è allo sfascio, paga 100 mila euro di soldi pubblici per il trasporto. Basta servilismi nei confronti della chiesa!!!! Vergognatevi!!!!”.

Diciamocelo pure, dopo anni dalla sua dipartita, il frate di Pietrelcina continua a far parlare di sé e a scuotere i fedeli, e forse era proprio questo l’obiettivo che si sarebbe voluto raggiungere.

  • Simone

    Infatti visto che l’idea è stata del papa che lo finanziasse lui con i soldi (che non sono pochi quelli che hanno) del Vaticano! Inoltre con inaspettati del terrorismo sprecare risorse di polizia per queste cose mi sembra davvero patetico!