«Il rischio di chiusura dello sportello INPS di Cerignola il PD lo denuncia da DUE ANNI. Nell’indifferenza totale di chi ha amministrato e di chi amministra. E nella superficialità dell’allora opposizione cicognina,  che oggi da maggioranza non intende risolvere il problema». Con queste parole Tommaso Sgarro, già Segretario cittadino del Partito Democratico di Cerignola commenta la questione riguardante la possibile chiusura dell’ufficio INPS cittadino. «Serve un’altra sede per poter continuare a garantire il servizio. Questione di costi. Una riorganizzazione che riguarda ogni sede periferica – prosegue il Consigliere comunale –. Alla richiesta di aiuto Metta ha risposto con un <<non è colpa mia, non posso fare niente…>>. Lui se ne vorrebbe lavare le mani. Invece moltissimo si può fare. Quella che sembra mancare è la volontà politica del sindaco. Perché? Glielo chiederemo in consiglio comunale».

Il leader dell’opposizione, infine, punta il dito sui possibili danni che la cittadinanza subirebbe dalla chiusura del distaccamento ofantino dell’agenzia. «Va evitato a ogni costo che la città perda questo importante presidio. Vanno evitati gli enormi disservizi che la chiusura comporterebbe per le cittadine e i cittadini di Cerignola. Non lasceremo che l’INPS a Cerignola morirà e sarà sepolta sotto Ponzio Pilato».

  • Onesto

    Purtl a cast così non si chiude. Ma che deeeee