Un derby davvero stuzzicante è in programma domani, fra Canosa ed Audace Cerignola: è il quarto confronto stagionale tra le due formazioni, dopo le tre vittorie ofantine nei sedicesimi di coppa Italia ed all’andata. Un match dal sapore di alta classifica, perché se l’Audace spadroneggia in vetta, i vicini dell’Ofanto sono in piena lotta per accaparrarsi un posto nei playoff. Ci sono tutte le premesse affinché sia un grande spettacolo, tecnico e di tifo, all’insegna della grande passione delle rispettive tifoserie: molto sentito, ma sempre all’insegna dei valori dello sport. I ragazzi di Massimo Gallo giungono alla sfida come sempre molto concentrati: la cinquina rifilata al Polimnia ha evidenziato lo stato di forma dei gialloblu, che con irrisoria facilità si sono sbarazzati di una delle squadre più in palla del momento. Un Cerignola che vede il traguardo ormai ad un passo, ma non è costume della società compilare tabelle o programmi; si vive partita dopo partita, un obiettivo alla volta. Certo è che alle “cicogne” potrebbero bastare sette punti nelle prossime tre giornate, per giungere aritmeticamente in Eccellenza: calcolo valido se anche le più immediate inseguitrici (Sporting Ordona e Madre Pietra Apricena) dovessero rispondere agli squilli della capolista. Ecco dunque che il rendez vous del “San Sabino” capiti a pennello per effettuare le prove generali in vista della finale del 18 febbraio contro il Fasano: avversario tosto, un undici quadrato e tecnicamente dotato, non una semplice passeggiata. Il tecnico cerignolano manderà in campo probabilmente la migliore formazione: sicuro Ciano -anche perché squalificato giovedì prossimo-, in difesa tornerà anche Colangione mentre Matera scalda i motori per l’ultimo atto di Gravina. Solito dubbio Monopoli-Russo fra gli under, in prima linea si va verso la conferma del tridente d’oro Morra-Lasalandra-Dipasquale.

Il Canosa, con 33 punti ed un computo complessivo di nove vittorie, sei pareggi e sei stop, occupa la quarta posizione in compagnia del Modugno. L’1-0 subito dalla Rinascita Rutiglianese ha fermato a quattro i risultati utili consecutivi, i quali hanno permesso ai rossoblu di scalare progressivamente la graduatoria ed issarsi ai piani altissimi. Due i rinforzi maggiori per l’allenatore Scaringella nel mercato di riparazione: l’attaccante Lannunziata (dal Reali Siti) e Michele Pensa, che ha iniziato la stagione in maglia ofantina. Il centrocampista è andato ad incrementare la pattuglia di ex più o meno recenti quali De Blasio, Lombardi, Ardito: quest’ultimo, prodotto delle giovanili dell’Audace, è il cannoniere con nove centri realizzati. Degni di nota l’esterno offensivo Coppola, il difensore Abruzzese ed il cerignolano “emigrato” Cellamaro: velocità sulle fasce ed una buona retroguardia, tanto da essere la terza meno perforata del girone. Il sodalizio guidato dalla presidentessa Liliana Vitrani punta a rinverdire i fasti di un tempo: il campo dirà se già da questa stagione i canosini possono riuscire nell’intento. Calcio d’inizio alle ore 15, con la direzione di gara affidata al sig.Capriuolo, della sezione di Bari.

CONDIVIDI