Audace Cerignola autentica schiaccia sassi: la formazione ofantina impone lo 0-4 in casa della Madre Pietra Apricena, nel recupero della 24ma giornata di Promozione. Il 3-4-3 di Massimo Gallo si compone con diverse novità rispetto alla vittoria con l’Ascoli Satriano: davanti a Marinaro confermato il solo Ciano, con Angelo Colucci e Borrelli in retroguardia; Gabriele Grieco fa coppia con Schiavone a centrocampo, Russo e Monopoli gli esterni; Dipasquale-Lasalandra e Flavio Amoruso in attacco. Mister Mimmo invece sceglie per l’Apricena il 4-3-3, con Salerno riferimento avanzato, supportato da Quitadamo e De Bellis. I padroni di casa cominciano la sfida aggressivi e determinati a sbloccare per primi: al 4’ un colpo di testa di Melchionda è respinto dal compagno Scarano, al 9’ la punta scatta eludendo il fuorigioco, ma il suo pallonetto si perde appena alto sulla traversa. Il Cerignola replica con la conclusione di Monopoli su assist dal fondo di Dipasquale, mentre a metà frazione è prodigioso Marinaro sull’insidiosissima botta dalla lunghissima distanza di Melchionda: il portiere si inarca e concede solo il corner. Gli ospiti col passare dei minuti prendono le misure agli avversari: Amoruso manca di poco il bersaglio di testa, poi al 42’ sono i gialloblu a passare. Lo stesso Amoruso è bravo a recuperare palla su un difensore e serve Lasalandra: tiro ribattuto, Russo calcia al volo ed una leggera deviazione supera l’incolpevole Ruggieri, suggellando una prima frazione di gran livello.

Il gol subito quasi in chiusura è un duro colpo per i blugranata: nella ripresa l’incontro si mantiene comunque maschio e le squadre sono molto corte. Intorno all’ora di gioco è annullato un gol per offside a Dipasquale e nell’azione successiva è magistrale il ripiegamento difensivo di Ciano su Quitadamo. La capolista preme sulla fasce e chiude il match: discesa di Monopoli sulla sinistra, traversone per la puntuale incornata di Dipasquale ed arriva il raddoppio (70’). Ancora sull’out mancino, è Lasalandra a sfuggire in bello stile al diretto marcatore: il centro è raccolto di prima intenzione dal capitano cerignolano che deposita sul palo più lontano, archiviando di fatto la pratica. Appena due giri di lancette (è il 78’) e Monopoli realizza il poker, stavolta su un pallone proveniente dalla destra. Nella girandola di sostituzioni da ambo le parti, da segnalare fra gli ofantini l’esordio in campionato dell’under Cappellari. Una ennesima dimostrazione di autorità da parte delle “cicogne”, che impongono lo stop alla Madre Pietra, finora ancora imbattuta davanti al proprio pubblico. Domenica quart’ultima tappa del torneo, con la visita al Reali Siti.

MADRE PIETRA APRICENA-AUDACE CERIGNOLA 0-4

Madre Pietra Apricena: Ruggieri, Lufino, Arnese, Valente, Cercone, Melchionda, Scarano (79’ Mininno), Mastromatteo, Salerno (79’ Potenza), Quitadamo, De Bellis (75’ Borrelli D.). A disposizione: Zappatore, Montemitro, Bocola, Faienza. Allenatore: Michele Mimmo.

Audace Cerignola: Marinaro, Russo, Colucci A., Ciano, Borrelli F., Grieco Gabriele (73’ Conte), Monopoli, Schiavone, Dipasquale (82’ Cappellari), Lasalandra, Amoruso F. (73’ Morra). A disposizione: Vurchio, Colangione, Casale, Grimaldi.

Reti: 42’ Russo, 70’ e 76’ Dipasquale, 78’ Monopoli.

Ammoniti: Valente, Melchionda (MPA); Grieco Gabriele (AC).

Angoli: 6-5. Fuorigioco: 2-4. Recuperi: 0’ pt, 3’ st.

Arbitro: Vogliacco (Bari). Assistenti: Ostuni-Patruno (Bari).

CONDIVIDI