La Cav Libera Virtus impone ancora una volta la legge del pala “Dileo”, mai violato finora in stagione, sconfiggendo 3-0 La Mimosa Teatina Chieti (25-15; 25-23; 25-21 i parziali). Voltata immediatamente pagina dopo il ko di Torre Annunziata, col distacco dalle inseguitrici in zona playoff immutato. Defezione dell’ultim’ora per mister Drago: Altomonte è indisponibile ed al suo posto c’è Minervini in regia, con Carlozzi sulla diagonale; Martilotti ed Angelova i martelli; Tralli e Piemontese centrali, più Tribuzio libero. Coach Longobardo risponde invece con: Di Martile al palleggio e Marta Romano opposto; Delli Quadri e Michela Romano laterali; Merlini e Montanaro sottorete e Santacroce in difesa. Partenza efficace della Cav, che si porta sull’8-3 in ragione anche di difetti in misura delle ospiti, che già provano ad invertire la rotta con Cocco al posto di Michela Romano. Il tocco di seconda di Minervini manda nel referto punti tutte le giocatrici delle padrone di casa, il cui vantaggio si dilata sul 15-5: le teatine proseguono nella sfilza di errori, di contro buona la profondità del servizio delle ragazze di Drago. Chieti prova a farsi più intraprendente, soprattutto a muro, anche se resta a distanza (21-14), con le locali poi a chiudere agevolmente il set senza ulteriori problemi. Cerignola comanda comodamente anche nel secondo periodo: Tralli in fast su invito di Minervini, le abruzzesi stentano ancora (8-3): Longobardo rivoluziona il sestetto con gli ingressi di Cocco, Perna e Sambenedetto. Minervini s’intende bene anche con Carlozzi (12-5), ma pian piano La Mimosa Teatina si riavvicina (due muri di Merlini, 12-9); Carlozzi segna il 16-10 e riporta le ofantine a distanza, prima di lasciare il campo a De Toma, a causa di un piccolo fastidio fisico. Ora sono le virtussine a commettere imperfezioni, così le avversarie restano a galla: Delli Quadri è l’artefice dell’aggancio e del sorpasso (20-21). La replica è immediata, con la neoentrata De Toma che mette giù due palloni fondamentali per consegnare il doppio vantaggio.

La formazione teatina scatta di slancio nella terza frazione (1-5), mentre la Libera Virtus sembra rilassarsi, divenendo più fallosa: il muro di Marta Romano vale il 5-8 per le biancorosse, le gialloblu reagiscono con Angelova e, mettendo in difficoltà la costruzione teatina, si riportano avanti. Il set è tuttavia equilibrato, c’è Valecce fra le cerignolane per rinforzare la retroguardia, eppure il muro si presenta più volte scomposto e si annotano diversi servizi fuori misura: al secondo timeout tecnico è 16-15. De Toma e Martilotti accelerano per il +3 (20-17), Chieti non ci sta e costringe la Cav quasi agli straordinari, in un finale punto a punto. Lo spunto decisivo arriva dal muro, con le mani di De Toma, Minervini e Piemontese in tre degli ultimi quattro punti realizzati. Un successo che, come anticipato, non varia la situazione dal secondo posto in giù: ora, domenica prossima, un banco di prova delicato ed importante per Martilotti e compagne. C’è la trasferta a Baronissi, un match che potrebbe dire molto sulla difesa del secondo gradino della classifica, con le salernitane in ascesa e con una partita in meno disputata.

Ecco il tabellino della Cav Libera Virtus Cerignola, con le giocatrici andate a referto ed i relativi punti realizzati:

Minervini 2, Carlozzi 9, Martilotti 8, Angelova 8, Tralli 10, Piemontese 4, De Toma 4, Valecce, Tribuzio (libero).

CLASSIFICA ALLA DICIANNOVESIMA GIORNATA

Costruzioni Papa Altino 47; Cav Libera Virtus Cerignola 40; Due Principati Baronissi 36; Assitec 2000 Sant’Elia 32; Pallavolo Minturno 30; Givova Scafati 26; Centro Kos Potenza 21; Accademia Benevento 20; Fiamma Torrese 17; La Mimosa Teatina Chieti 12; Severiana Montescaglioso 8; Volare Olimpia Benevento 2.

CONDIVIDI