Entra nell’ultimissima fase il campionato di Promozione: domani il calendario propone la quart’ultima giornata (la numero 27), con l’Audace che conclude il poker di derby foggiani del periodo, ospitando il Monte Sant’Angelo. I verdetti in testa ed in coda sono già stati emessi, con l’approdo in Eccellenza degli ofantini quasi un mese fa e la retrocessione da tempo del Quartieri Uniti Bari in Prima categoria: ora si gioca per altri obiettivi e ciascuna squadra può ancora modificare sensibilmente la propria condizione di classifica. La formazione di Massimo Gallo invece prosegue nel suo cammino a parte: il successo esterno della scorsa settimana nell’acquitrino di Stornara sul Real Siti ha permesso di oltrepassare quota 70 punti e manca ormai poco per concludere il secondo torneo senza sconfitte. Un Cerignola che in settimana ha anche assaporato -seppur in amichevole- l’atmosfera del massimo campionato regionale, affrontando e battendo il Barletta al “Manzi-Chiapulin” per 2-0, con le reti di Lasalandra e Dipasquale. In più, in casa gialloblu è arrivata la lieta notizia della nascita del primogenito del presidente Nicola Grieco, cui vanno gli auguri per l’arrivo del piccolo Michele. Colangione e compagni hanno una striscia aperta di sei affermazioni di fila: l’ultimo rallentamento è datato 31 gennaio in quel di Altamura, per un team che ha lasciato davvero ben poco alle avversarie. Le partite che restano saranno utili per alcuni traguardi individuali, come ad esempio la classifica cannonieri, con il trio Morra-Lasalandra-Dipasquale distanziato di tre marcature dall’attuale bomber del girone A, Salvati del Real Noci. Gallo anche in questa circostanza sceglierà in prossimità del match la formazione: è ampiamente dimostrato che, anche con qualche modifica rispetto ai “titolari”, l’Audace non molla la presa e continua a mietere vittorie.

Il Monte Sant’Angelo insegue punti preziosi per evitare l’appendice dei playout, ai quali sarebbe costretto attualmente: tredicesima piazza con 30 punti ed un bilancio totale di otto vittorie, sei pareggi e dodici sconfitte. Il 2-1 imposto al San Marco è stata una boccata d’ossigeno per i garganici, a secco da tre turni; ci si giocherà tutto anche nelle prossime sfide, con Modugno e Polimnia. Rispetto all’andata, è parecchio mutato l’organico affidato a mister Matteo D’Arienzo: via Cantarale, Ferrazzano, D’Ambrosio fra gli altri, in maglia bianconera sono giunti l’esterno Simone, il centrale difensivo Ciccarelli, il centrocampista Kamano (ex San Severo). Da tenere d’occhio il capocannoniere bianconero, Lupoli (undici centri) e la saggezza di Scarano, fra i più profondi conoscitori della categoria. Una rosa dalla spiccata linea verde, tuttavia D’Arienzo sa essere timoniere sicuro e deciso: per i montanari, a rischio iscrizione nella scorsa estate, la salvezza sarebbe come una promozione a tutti gli effetti. Calcio d’inizio al “Monterisi” alle ore 15, con la direzione arbitrale affidata al sig.Giordano, della sezione di Bari.

CONDIVIDI