I Carabinieri della Compagnia di Foggia intercettavano all’altezza della SS 673 un tir al quale intimavano l’Alt, ma il conducente del mezzo, incurante della segnalazione dei militari, si dava alla fuga. Ne scaturiva un inseguimento che proseguiva lungo la SS 16 BIS in direzione Cerignola. Il tir continuava la sua corsa spericolata compiendo anche manovre pericolose per l’incolumità degli altri utenti della strada. I carabinieri predisponevano, quindi, un posto di blocco all’altezza dello svincolo per Stornara interrompendo la circolazione. Alla vista del posto di blocco il conducente del mezzo, però, non rallentava la sua corsa, ma i Carabinieri riuscivano ad affiancare il tir e a sparare alle gomme, bloccandone la fuga. Il conducente tentava un ultimo disperato tentativo di scappare a piedi ma veniva bloccato e identificato in LOSURDO Angelo, cerignolano classe 69.

Il camion risultava essere oggetto di furto perpetrato poche ore prima a Colonnella, in provincia di Teramo. All’interno del mezzo venivano rinvenuti bancali di cartoni di bibite, per un valore di circa 20.000, merce rubata in un capannone industriale di Colonnella. All’interno della cabina del camion veniva rinvenuto anche uno scanner in grado di intercettare le frequenze su cui operano le Forze di Polizia. Il LOSURDO è stato, quindi, tratto in arresto ed il materiale rinvenuto unitamente all’automezzo restituiti ai proprietari.

Questo slideshow richiede JavaScript.

CONDIVIDI
  • Goffredo

    Invece di sparare alle gomme, potevano spararlo in testa!!!

    • Vincenzo Losurdo

      Invece di scriverlo qua sopra perché non vieni a dirlo in faccia

    • Maria assunta Losurdo

      Ma come ti permetti di scrivere determinate cose,se hai il coraggio vienilo a dire in faccia e non che ti nascondi dietro un falso nome… Mi complimento con lanotiziaweb che accetta di condividere determinati commenti .

    • Lucia

      Caro Goffredo c’è di peggio è quel peggio lo rappresenti tu con quella boccaccia ….. Il Signor Angelo ti avrebbe aiutato anche senza conoscerti questa è la differenza tra te ed il SIGNOR ANGELO!

  • il giusto

    Io conosco Angelo ed e’ una persona di buon cuore ed anche molto rispettosa.
    se ha fatto cio’ che ha fatto e’ perche’ come tanta gente, che oggi e’ disperata, non sa piu’ cosa inventarsi per portare avanti tutta la famiglia.
    sia chiaro non giustifico il gesto ma condanno chi dice che bisognava sparargli in testa.
    spero che Angelo risolva presto ed auguro ogni bene alla sua famiglia.
    ai carabinieri poi vorrei fare una preghiera oltre fhe ai magistrati….ma quando deciderete di arrestare tutti i nostri politici che ci stanno derubando di tutto e stanno affamando un paese intero?
    Quanto a te Goffredo vergognati!!!

    • mas22

      Condivido pienamente. .Più occupazione per tutti

  • Gianluca

    Per poter condannare una persona occorrerebbe offrirgli come da costituzione un lavoro decoroso che gli permetta di sostentarsi.
    Se nonostante questo l’individuo delinque allora occorrerebbe andarci giù pesante.
    Il problema grosso è che questi governi che si sono succeduti compreso l’attuale, pensano solo a rubare e favorire grandi l’hobby riducendoci a meno della spazzatura e fomentando l’odio tra di noi, facendoci pensare che il nemico è il ladruncolo, che va in galera per aver rubato pochi Euro,
    mentre loro che derubano il popolo di miliardi, anche quando scoperti fanno il gioco dei prestigiatori, mischiano le carte non cambiando nulla dello stato di fatto.
    I veri nemici sono loro è andrebbero combattuti anche a costo della vita.

  • Goffredo

    dovrei vergognarmi per quello che ho scritto, solo perché sono stato spietato nel giudicare un delinquente con l’alibi dell’essere disoccupato. Anche io sono disoccupato, ho tre figli, vado in campagna per guadagnarmi una miseria, ma non mi è mai passata per la testa l’idea di deliquere per portare il pane a casa. Guidare un tir in quel modo mettendo a rischio automobilisti solo perché se la stava dando a gambe, è da giustificare.
    Ma andate a cacare!!!!

    • roberto l’altro

      Goffredo non sei solo non ti preoccupare di quelle risposte lascia perdere non si può nemmeno commentare

      • Vincenzo Losurdo

        Venite a parlare in persona se avete il coraggio oppure mettete il vostro vero nome come faccio goffredo e Roberto l’altro

    • Sara Cortese

      La libertà di opinione è un diritto purché non leda gli altri. Lasciate giudicare chi lo fa per mestiere, o perlomeno, fatelo da persone civili. Perché si sa, a Cerignola si vive puntando il dito contro gli altri (e voi ne siete la testimonianza), ma se non siete capaci di farlo con educazione fatene a meno. Vivrete lo stesso eh. Dai, che siete grandi!

    • Maria assunta Losurdo

      Sei un povero ignorante, ricorda che agli occhi del signore sei più delinquente tu che mio padre augurando la morte ad un altra persona,non sei nessuno per giudicare quindi caro Goffredo stai zitto e se avete il coraggio tu e l’amico tuo Roberto venitelo a dire in faccia oppure mettete il nostro vero nome. Oppure state zitti fate più bella figura