Penultima giornata del campionato di Promozione: l’Audace Cerignola attende al “Monterisi” la Virtus Bitritto, per l’ultimo appuntamento casalingo stagionale. Finalmente, dopo una serie sfortunata di vicissitudini, domani sarà il giorno dei festeggiamenti per il ritorno in Eccellenza: le celebrazioni in campo furono rinviate lo scorso 21 febbraio per la scomparsa di un tifoso ultrà, ora a circa due mesi di distanza, società e sostenitori organizzati allestiranno un ricco buffet dopo il match. Per i gialloblu la stagione prosegue nel nome della vittoria: anche Rutigliano è stata terra di conquista, per il venticinquesimo successo in ventotto incontri; tre punti arrivati nel finale con l’ennesima dimostrazione di carattere e voglia di prevalere sull’avversario, malgrado diversi assenti, i primi caldi e una Rinascita Rutiglianese ad ogni modo battagliera. A 180′ dal termine del torneo, il Cerignola non desiste dall’intenzione di ritoccare ulteriormente i suoi record: raggiunte le 80 partite di imbattibilità, la stessa imbattibilità dev’essere preservata fino all’ultimo appuntamento ufficiale. Per la sfida di domani, mister Massimo Gallo riavrà a disposizione Monopoli, Schiavone e Morra, indisponibili per squalifica la scorsa settimana: i tre riprenderanno il loro posto in mediana ed in attacco, mentre è stato fermato dal giudice sportivo Matera. Da valutare le condizioni di Daniele Amoruso, con Conte e Gabriele Grieco nel caso pronti a sostituirlo, mentre convince sempre più Michele Cappellari, under tornato a casa dopo la parentesi nelle giovanili del Bari.

La Virtus Bitritto al 90% disputerà i playout, dato il dodicesimo posto in compagnia del Monte Sant’Angelo a 31 punti: il bilancio totale parla di nove vittorie, quattro pareggi e quindici sconfitte. In realtà la speranza di salvezza diretta c’è ancora, ma i baresi si presenteranno abbastanza rimaneggiati: tre squalificati (Gigli, Barone ed il bomber Bozzi, autore di 14 centri nel torneo) e senza l’allenatore Angelo Sisto, espulso nel ko della passata giornata ad Ordona. I biancoverdi si affideranno all’ex di turno Zonno e all’esperienza di De Francesco in difesa: all’andata finì 0-3 per gli ofantini, in una gara comunque non semplicissima e decisa dall’estro di Monopoli (doppietta) e dall’acuto di Flavio Amoruso. Calcio d’inizio alle ore 16, con la direzione arbitrale affidata al sig.Vittoria della sezione di Taranto.

CONDIVIDI