Nonostante i quasi 30°C del campo di Ordona, l’Audace Cerignola offre spettacolo. Ce la mettono tutta i ragazzi di mister Gallo nell’ultimo atto di un campionato che resterà alla storia. Una domenica da goleada in grande stile, frutto di un atteggiamento mai arrendevole, di tanto lavoro dentro e fuori il campo, di un gruppo e di una società che sono pronti per scalare le vette del calcio. I padroni di casa dello Sporting Ordona, guidati da mister Zito, schierano Saracino, Patella, Montemorra, Costa, Mascia, Monaco, Ferrantino, Sementino, D’Introno, Deleo e Balletta. I gialloblu invece scendono in campo con Vurchio tra i pali, Cappellari, Borrelli, Amoruso, Ciano, Matera, Morra, Schiavone, Dipasquale, Lasalandra e Monopoli.

Nel primi minuti le squadre si studiano e non si annotano particolari occasioni o azioni da gol, se non l’infortunio di Ivano Ciano al 5′ sostituito da Angelo Pio Colucci. Si deve attendere il 18′ per vedere il pallone in fondo alla rete, spedito da una rasoiata precisa di Vito Morra dal vertice sinistro dell’area di rigore. Passano poco più di dieci minuti e l’attaccante di peso gialloblu concede il bis. Morra mette lo zampino su un cross al centro di Monopoli scaturito da un improvviso cambio di fronte, è 0-2 (30′). Continua sempre all’attacco la formazione ofantina e al 37′ ad esultare per la terza rete è capitan Dipasquale. La squadra va a riposo con un vantaggio di tre reti, situazione che prospetta un secondo tempo tranquillo.

Nella ripresa l’Audace ritorna grintoso come nei primi 45 minuti e al 51′ un fallo in area su Monopoli costringe l’arbitro ad assegnare la massima punizione. Schiavone non sbaglia dagli undici metri e al 52′ l’Audace Cerignola fa poker. Cinque minuti più tardi arriva la quinta rete dell’Audace (57′) che porta la firma del giovane Monopoli. La partita non dice molto altro, salvo una rete dei padroni di casa con Sementino poco dopo la mezz’ora del secondo tempo (78′) e alcuni minuti che mister Gallo concede al giovane Casieri.

Termina con il risultato di 1-5 l’incontro e si chiude con l’imbattibilità una stagione trionfale. Su 30 partite giocate in campionato l’Audace ne ha vinte 27 e pareggiate 3, segnando 85 reti e subendone solo 11. Una stagione in cui l’Audace colleziona una promozione anticipata in eccellenza e 84 punti in classifica, staccando la seconda, lo Sporting Ordona appunto (54 punti), di ben 30 punti. L’appuntamento, l’ultimo, è alla prossima finalissima tra le capoliste dei due gironi di Promozione pugliese, l’Audace Cerignola e l’Avetrana.

SPORTING ORDONA-AUDACE CERIGNOLA 1-5

Sporting Ordona: Saracino, Patanella, Montemorra, Costa, Mascia (46′ Cicolella), Monaco, Ferrantino, Sementino, D’Introno, De Leo, Balletta. A disposizione: Stango, Barberio, Russo, Magaldi, De Rosa, Ciccone. Allenatore: Matteo Zito.

Audace Cerignola: Vurchio, Cappellari, Borrelli, Amoruso D., Ciano (5′ Colucci A.), Matera, Morra (59′ Casieri), Schiavone (62′ Conte), Dipasquale, Lasalandra, Monopoli. A disposizione: Marinaro, Casale, Fiorino, Colucci S.. Allenatore: Massimo Gallo.

Reti: 18′ e 30′ Morra, 37′ Dipasquale, 52′ Schiavone (rig.), 57′ Monopoli, 78′ Sementino (SO).

Arbitro: Insanguine Mingarro (Barletta). Assistenti: Palmisano-Avezzano (Foggia).

CLASSIFICA ALLA TRENTESIMA ED ULTIMA GIORNATA

Audace Cerignola 84; Sporting Ordona 54; Canosa 49; Ascoli Satriano 47; Madre Pietra Apricena 46; Rinascita Rutiglianese 45; Modugno (ex Nuova Molfetta) 44; San Marco 42; Reali Siti 41; Fortis Altamura 40; Polimnia 38; Monte Sant’Angelo 37; Real Noci 36; Virtus Bitritto 34; Giovinazzo 26; Quartieri Uniti Bari 2 (-1).