Ci sarà solo l’Iposea Udas in campo nel campionato di B2 nel volley: la Cav Libera Virtus infatti osserverà il secondo turno di riposo del girone di ritorno, e tornerà in campo sabato 30 nel match contro la neopromossa Altino. A difendere i colori cerignolani in questo weekend i ragazzi del duo Castellaneta-Ferraro, che ospitano la Gis Pallavolo Ottaviano nella 24ma giornata (domani, ore 18, al pala “Dileo”). Una sfida interessante e che promette spettacolo, fra due delle formazioni meglio assortite del girone G: i biancazzurri, dopo la sofferta vittoria al tie break di domenica scorsa a Taviano, in questi ultimi tre impegni stagionali hanno l’obiettivo di confermarsi al secondo gradino del podio, alle prese con un calendario affatto semplice; all’andata finì con un secco 3-0 per la squadra campana e dunque l’Iposea avrà certamente forti propositi di rivincita. Lanzone e compagni hanno 46 punti in classifica, con una lunghezza di margine su Marigliano e due sulla Snav Folgore Massa: c’è bisogno di un risultato positivo per non vanificare un torneo quasi sempre condotto alle spalle dei napoletani prossimi avversari. La Gis Pallavolo Ottaviano ha dominato il raggruppamento: ben 60 punti con un bilancio di venti vittorie ed una sola sconfitta, inflitta dalla Prisma Bari il 9 aprile scorso; solo otto i set ceduti dalla capolista, a conferma dell’assoluto valore del proprio organico.

Ultimo appuntamento stagionale in serie D femminile, con la Dilillo Libera Virtus che insegue una complicata salvezza a Ruvo di Puglia: domani (ore 19.30) la gara di ritorno della fase 2 playout. Nell’andata di sabato scorso, le giovanissime guidate da Lino Pollo hanno ceduto in casa 1-3 alle rivali, dopo un incoraggiante inizio: per continuare ad alimentare le speranze, le gialloblu devono vincere 0-3 o 1-3 e poi giocarsi il tutto per tutto al golden set, in un tie break da dentro o fuori. Il sestetto murgiano è favorito e lo ha dimostrato una settimana fa, anche se la Dilillo spera in una prestazione grintosa ed impeccabile, per centrare un traguardo che si riteneva insperato al termine della regular season.

CONDIVIDI