Per l’approssimarsi della ricorrenza della BATTAGLIA DI  CERIGNOLA (28 Aprile 1503) , il Centro Studi e Ricerche “Torre Alemanna”, la Sede locale dell’Archeoclub d’italia e il Museo Etnografico Cerignolano (1979) vogliono ripresentare alla Città, studiosi, ricercatori e documenti già da noi editi sin dal 1987, ma conosciuti da pochi affinché possa diffondersi la volontà di esaltare la storicità e la scientificità legati all’Evento.

Scudo d'armi“Scudo d’armi del Reggimento di Fanteria Fuerteventura n.56 dell’Esercito Spagnolo. La scelta di questa immagine inedita del nostro stemma è stata dettata dal desiderio di ringraziare pubblicamente il Col. F(mec) s. S.M. Alessio Antonutti, Addetto Militare ed Aeronautico presso l’Ambasciata d’Italia a Madrid, e il Generale Josè Cifuentes, freive, Direttopre del “Servicio Historico Militar” in Spagna, per averci gentilmente fornito, in data 30 aprile 1986 prot. n.4565 / 509, “notizie sulla Divisione Militare “CIRIGNOLA” e sulla Battaglia di CERIGNOLA (Foggia) del 28 aprile 1503”, mostrando in tal modo un grande spirito dei collaborazione culturale. Lo scudo d’armi del Reggimento di fanteria Fuerteventura n. 56 dell’esercito spagnolo è stato pubblicato per la prima volta in S. DELVECCHIO – M. OCCHIONERO – G: SPECCHIO – M. STUPPIELLO, Schede didattiche sul territorio di Cerignola, San Ferdinando di Puglia, 1987. Si precisa che lo stemma in oggetto apparteneva in origine, al “Regimiento de Infanteria Peninsular Canarias n. 42”, che nel 1899 assumeva la denominazione “Regimiento de Infanteria Cerinola n. 42: tale Battaglione, dopo varie vicissitudini, nel 1956 viene a formare il menzionato Reggimento Fuerteventura n. 56 fondendosi con i battaglioni di Fanteria Indipendente Fuerteventura n. 52 e Lanzarote n. 54. Lo riporto testualmentela descrizione e lo stemma in oggetto con le motivazioni della scelta di questo emblema da parte del su indicato Battaglionr: “REGIMIENTO  INFANTERIA  FUERTEVENTURA N. 56 – Escudo de Armas. En campo de plata un cisne blanco terrazado, moriendo y apresado a una siepe en su solor: timbrado de corona mural de oro. El todo circundado de dos ramas de laurel, unidas en su base con un lazo, rosa, y de una cartela quel leva la iscripcion, en sable, CERIGNOLA, (Lamina V). Sus armerias son las de la ciudad de Cerinola. Su nombre lo recibiò en commemoracion de la gloriosa tatalla ganada, el 28 de abril de 1503, poi las armas espanolas en Italia mandadas por el Gran Capitan, en la conquista de Napoles, a las fuerzas del Duque  de Namours. Tiene per patrona, como los demas Cuerpos del Arma, a la Purisima e Inmaculada Conception” (Heraldica e Historialesdel Ejercito”, Tomo V – Infanteria, Madrid, 1981, pp. 46- 47, 58 – 60, a cura del Servizio Historico Militar. Si ringrazia Sr. Maria Goretti (Hilda Garcia) delle Suore Missionarie Figlie del Calvario – Cerignola, Opera “ S. Francesco d’Assisi”, per la collaborazione alla traduzione e interpretazione dei testi spagnoli)”. 

Bandiera del regimento