CERIGNOLA (Fg) – “Cia-Agricoltori Italiani Puglia, con tutta la nostra organizzazione provinciale di Capitanata, esprime il più sentito cordoglio alla famiglia di Damiano Capuano, l’agricoltore cerignolano, nostro associato, che ha perso la vita venerdì 6 maggio, stroncato da un malore nel tentativo di impedire il furto del proprio trattore. Ancora una volta, l’emergenza sicurezza nelle nostre campagne ha portato a conseguenze tragiche. Servono idee, azioni e progetti concreti per affrontare questo drammatico fenomeno. Siamo vicini alla famiglia di Damiano Capuano e offriremo ogni utile assistenza per sostenerla in questo triste momento”. E’ Michele Ferrandino, presidente provinciale di Cia-Agricoltori Italiani Foggia, a commentare l’ultimo e tragico episodio verificatosi nelle campagne della Capitanata. Alle sue parole, si associano il presidente regionale Cia-Puglia, Raffaele Carrabba; il direttore regionale Danilo Lolatte e ogni singola componente regionale e provinciale dell’organizzazione.
“A Cerignola stiamo potenziando ulteriormente la nostra azione e il nostro presidio sindacale con l’inaugurazione della nostra nuova sede”, ha proseguito Ferrandino. “Occorre fare ancora di più. Sosteniamo la raccolta di firme per l’iniziativa popolare che mira a modificare la legge sulla legittima difesa. Servono interventi concreti, altrimenti i continui furti nelle campagne uccideranno la nostra agricoltura”. Michele Ferrandino, presidente provinciale di Cia-Agricoltori Italiani Foggia, torna con forza sulla questione sicurezza. “Il 2016 è cominciato peggio dell’anno che ci siamo lasciati alle spalle”, ha aggiunto Ferrandino. “La situazione desta grandissima preoccupazione, perché ormai il problema riguarda tutto il territorio di Capitanata: dalle zone rurali delle città più grandi, come Foggia, Cerignola. Lucera e San Severo, alle aree interne dei Monti Dauni”. “L’agricoltura è l’unica vera opportunità di futuro in Capitanata, perché è l’economia principale su cui si possono innestare la crescita di innovazione, occupazione giovanile, servizi, turismo e promozione territoriale. Ribadiamo la nostra piena disponibilità a sostenere lo sforzo congiunto di istituzioni, comuni, associazioni, forze dell’ordine e magistratura per intervenire con iniziative e piani d’azione concreti. Siamo al fianco dei nostri agricoltori in questa come in altre importanti battaglie. Gli agricoltori sono sfiniti, esasperati”, ha detto Ferrandino. “Hanno paura, e non ce la fanno più a sostenere una situazione che peggiora di giorno in giorno”.

CONDIVIDI
  • cambiare

    Poveruomo peccato, questa città ha davvero bisogno di cambiare in tutti i sensi

  • fabio

    dispiace tantissimo apprendere tali tragiche notizie drammatiche che portano tanta tristezza soprattutto perla famiglia del sig.capuano.mi associo al loro dolore.condoglianze

  • Incazzatore

    Onore al lavoratore defunto .. e anche se serve a ben poco sentite cordoglianze ai suoi cari.
    Io metterei i 20 assenteisti del Comune di Foggia e tutti gli altri dipendenti pubblici che si girano i pollici in ufficio o a casa propria, a tirare gli aratri e tutti gli altri attrezzi agricoli di quei poveri contadini a cui hanno rubato i mezzi da lavoro….come tante bestie da soma. AH dimenticavo ovviamente in testa ci vanno i sindacalisti e i politici che gli hanno dato quei posti.