Il Volleyrò Casal De’ Pazzi Roma si impone al pala “Dileo”, nella gara 1 dei quarti di finale promozione per la B1: 1-3 alla Cav Libera Virtus (19-25; 25-27; 25-19; 13-25 i parziali). Partenza in salita per le ofantine, costrette ora a vincere necessariamente mercoledì nella Capitale per portare alla “bella” la serie che vale il passaggio alle semifinali. Drago schiera il consueto 6+1: Altomonte al palleggio e Carlozzi opposto; Martilotti ed Angelova martelli; Tralli e Piemontese centrali, più Tribuzio libero. Coach Giovannetti replica con: Scola alzatrice e Gatta fuorimano; Pietrini e Tanase di banda; Martinelli e Cecconello sottorete e Scognamillo in difesa. Partenza del match in equilibrio: le ospiti offrono qualcosa in più in avanti ed al primo timeout tecnico lo scarto è di misura (7-8); Martilotti va a segno per tre volte di seguito ed opera il sorpasso in diagonale (10-9), pronta la risposta di Tanase per il ribaltamento completato da Scola di seconda (13-16). Pietrini e Gatta tengono le romane sullo stesso scarto, nelle padrone di casa Martilotti sale ancora in cattedra: Pietrini ferma Carlozzi e Gatta buca in parallela (17-22). Tanase di potenza conclude lo sprint finale delle ospiti, mandando in archivio il primo set. Anche il servizio tagliente è una freccia molto appuntita dell’arco del Casal De’ Pazzi, creando difficoltà nella ricezione (7-8): fra le ofantine Martilotti sembra predicare nel deserto, unica a rendersi pericolosa in prima linea. La squadra di Giovannetti lavora bene anche dal centro e Pietrini dimostra di disporre di un braccio davvero energico, accompagnata dalle bordate di Tanase e Gatta (11-17), tenendo benissimo anche in difesa con alcuni recuperi di gran livello. Martilotti ed alcuni errori delle avversarie consentono alla Cav l’aggancio a quota 17: il Volleyrò scappa ancora in un paio di occasioni, scontrandosi con la tenacia della Libera Virtus che lo riprende e col tocco morbido di Carlozzi mette le freccia (23-22). Le ospiti non si scompongono e guadagnano una pallaset, cancellata dalle cerignolane: si va ai vantaggi ed è un servizio vincente di Cecconello a dar ragione alle laziali.

La battuta profonda di Angelova apre la terza frazione con lo sprint di Cerignola (4-0): Roma torna sotto, mentre le ofantine vanno alla prima interruzione obbligata sull’8-4. Le rivali tornano in corsa (9-7), affidandosi al muro; Altomonte dialoga con Angelova e la bulgara mette giù tre palloni per il 12-7, solo che le virtussine non trovano continuità, permettendo al Volleyrò di annullare lo scarto e con Gatta è pari 14. Carlozzi e Martilotti rimettono il naso avanti, avviando una grande reazione ed una corposa progressione che si spinge sul 23-15. La schiacciatrice calabrese è in serata di grazia (20 punti totali), Angelova riapre il match con le locali brave a scalfire le sicurezze del Casal De’ Pazzi.

L’under 16 capitolina torna a ruggire in avvio di quarto periodo, sfondando con una Tanase in grandissima evidenza: l’1-8 rivela la stanchezza della Cav, dopo lo sforzo profuso nel precedente parziale. Le biancazzurre conducono agevolmente e sono molto redditizie in battuta: fra le virtussine entra Albanese per Angelova, tuttavia si fatica enormemente nel cambiopalla ed un pallonetto in zona 2-3 di Gatta segna il 7-16. Tanase trascina le sue compagne, il Volleyrò allunga e mette alle corde (9-20) le gialloblu che alzano bandiera bianca senza apprezzabile reazione. Se si esclude il quarto periodo, complessivamente la prestazione del sestetto cerignolano è stata buona: bisogna ripartire da ciò che ha funzionato ed intervenire sugli aspetti meno positivi, come il cambiopalla già citato ed una maggiore incisività a muro. Mercoledì gara 2 a Roma: portare a gara 3 le bravissime ragazzine romane si può, servirà una gara ai limiti della perfezione.

Ecco il tabellino della Cav Libera Virtus Cerignola, con le giocatrici andate a referto ed i relativi punti realizzati:

Altomonte 3, Carlozzi 9, Martilotti 20, Angelova 6, Tralli 12, Piemontese 6, Albanese, Tribuzio (libero).

CONDIVIDI