Nell’ambito delle manifestazioni programmate dal Ministero della Pubblica Istruzione per il 24° anniversario della Strage di Capaci, lunedì 23 maggio presso l’Auditorium “Marianna Manfredi” l’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “G. Pavoncelli” ha commemorato la figura del giudice Giovanni Falcone barbaramente trucidato dalla mafia. Alla manifestazione, tesa a mantenere  vivo  il ricordo del grande magistrato ed il valore della tutela della legalità negli studenti delle prime e seconde classi della Scuola, hanno partecipato i rappresentanti delle Forze dell’Ordine: Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza che, insieme al Dirigente Scolastico: Pio Mirra, alla docente di Diritto: prof.ssa Rosalba Ricci e alla docente di Storia: Laura Zefferino, hanno commemorato la strage di Capaci rimarcando la figura e l’operato di Giovanni Falcone che tanto si adoperò per la lotta alle cosche mafiose fino a sacrificare la propria vita per affermare e tutelare i principi fondamentali della giustizia.

2 (6)Gli studenti, che nei giorni scorsi erano stati “preparati” con un modulo didattico informativo fornito dalla “Fondazione Giovanni e Francesca Falcone” tenuto dalla stessa docente di Diritto, hanno seguito la telecronaca in diretta RAI streaming all’interno dell’auditorium per poi spostarsi all’esterno dello stesso per la cerimonia di piantumazione dell’albero della memoria: un “Prunus purpureo” che, con le sue foglie rosse come il sangue versato da Falcone e da tanti altri magistrati, resterà a memoria e monito per le nuove generazioni sul sacrificio offerto dai martiri per la legalità. Una targa, posta ai piedi dell’albero, riporta una frase di Giovanni Falcone che recita: “E’ tempo di andare avanti, non più confidando sull’impegno straordinario di pochi ma con l’impegno ordinario di tutti”.