Domenica 22 maggio a partire dalle ore 10.00, in Piazza Vittorio Emanuele (Foggia), si è svolto l’evento ‘Let’s Play Different-Tutti in Piazza!”. L’evento, organizzato dai Leo Clubs dalla Prima Circoscrizione (della quale fanno parte: Leo Club Foggia Host, Leo Club Foggia ‘Umberto Giordano’, Leo Club San Severo, Leo Club Cerignola e Leo Club Barletta) rientra nel più ampio Progetto Kairòs, portato avanti da tutti i Leo italiani.

Obiettivo di tale progetto è quello di far percepire la diversità come una ricchezza e non come un limite invalicabile, attraverso un programma di integrazione in cui ci si mette in gioco tentando di scoprire le meraviglie della ‘diversità’. Questo è lo scopo di LETS’ PLAY DIFFERENT, il gioco dell’oca ideato da alcuni soci del Multidistretto Leo 108 ITALY, con l’obiettivo di sensibilizzare le persone normodotate alla disabilità; ogni casella prevede per il giocatore o per la squadra una prova non di abilità, bensì di “disabilità” di tipo motorio, visivo o inerente le problematiche del linguaggio.

Adriana StringaroAdriana Stringaro, Past Presidente Leo Club Cerignola nonché Coordinatore della Prima Circoscrizione, ha dichiarato: “Let’s Play Different è il gioco più magico che c’è poiché ci permette, attraverso il gioco e il divertimento, di trasmettere un messaggio ben più profondo all’animo di bambini ed adulti. Troppo spesso – prosegue il Coordinatore- si parla di integrazione dei disabili tra i normodotati, ma non si pensa mai all’esperienza contraria, cioè provare per un attimo ciò che un diversamente abile prova quotidianamente. Piccoli gesti quotidiani come allacciarsi le scarpe con una sola mano o riconoscere un oggetto solo con il tatto o un alimento solo dal gusto, diventa una sfida che ci apre un mondo fantastico fatto di empatia, solidarietà e comprensione dell’altro. Questo è il senso più intimo del progetto Kairòs portato avanti da tutti i Leo italiani. Sia bambini che adulti, domenica mattina, si sono messi in gioco; abbiamo coinvolto gli adulti facendo pescare loro le carte prova, mentre i bimbi si sono cimentati nelle prove pratiche, dimostrando grande determinazione nel portarle a termine. Il nostro obiettivo – conclude Stringaro – è ora quello di portare il nostro progetto nelle scuole elementari. Speriamo di riuscirci.”

  • divertito

    giochi innocenti per adulti deficienti

    • Adriana Stringaro

      Mi dispiace Mr. divertito ma il gioco è per i bimbi,non per gli adulti e forse non le è ben chiaro lo scopo che ha! Quindi la prego di rileggere con attenzione l’articolo e di partecipare al prossimo evento che organizzeremo,cosí da toccare con mano questo “gioco innocente per adulti deficienti”.