Durante il Consiglio comunale di ieri, lunedì 27 giugno, vi è stata la surroga del consigliere comunale Rino Pezzano, passato sulla poltrona di viceSindaco e assessore alle Politiche Sociali, dell’ingresso in consiglio di Antonio Limotta e del conferimento di nuove deleghe a Pia Zamparese.

In tutto ciò anche Vincenzo Specchio, da sempre interessato alle Attività Produttive in capo alla Zamparese, ottiene, dopo l’agenzia “Cerignola Produce” lo scorso febbraio, anche la delega al commercio. «Accolgo con grande soddisfazione il conferimento a Vincenzo Specchio della delega al Commercio con l’incarico di collaborare e coadiuvare con il sindaco Franco Metta in merito alla programmazione e ai problemi del commercio cerignolano» scrive il capogruppo di Federazione Civica Ale Frisani.

Vincenzo_SpecchioA Specchio il compito di redarre il nuovo Piano comunale di commercio con ridefinizione del mercato settimanale, individuare i mercati rionali e identificare i criteri per le assegnazioni dei posteggi, dialogare con le associazioni di categoria e di fare proposte per il Distretto Urbano del Commercio (Duc). Un compito che di certo non può slegarsi dal comparto delle Attività Produttive e che Specchio si troverà a svolgere da dirigente di Confcommercio.

LimottaIntanto siederà in consiglio Antonio Limotta, eletto nelle fila di Cerignola Democratica e oggi confluito in Federazione Civica, sotto l’ala protettrice di Rino Pezzano. «Grazie a questi nuovi ruoli – scrive Frisani -, abbiamo le responsabilità nelle nostre mani e possiamo assurgere agli impegni presi in campagna elettorale. Ovviamente in piena collaborazione con tutte le componenti della maggioranza in Consiglio e in Giunta e soprattutto con un nuovo rapporto più propositivo tra assessori e i consiglieri».

Pia_ZampareseA Pia Zamparese, che molti consideravano già con un piede fuori dalla Giunta, nuova fiducia da parte del Primo Cittadino. Infatti va a lei la delega alla Sicurezza e Polizia Municipale, una patata bollente che metterà duramente alla prova le competenze della Zamparese e che si aggiunge alle già impegnative attività produttive. «Sono consapevole delle grandi responsabilità e del grosso impegno legati a questo nuovo incarico, ma nel contempo sono conscia che i cittadini aspettano da tempo delle risposte in merito» ha detto la Zamparese durante l’ultimo consiglio. Ma non solo. Infatti toccherà al nuovo assessore alla Sicurezza ricucire gli sfaldati rapporti tra Amministrazione e Forze dell’Ordine, che hanno toccato il punto più basso in occasione del blitz agli abusivi.

Dal senso civico al controllo del territorio, fino alle sanzioni amministrative, bisognerà, secondo la Zamparese, tornare a lavorare sul rispetto delle regole. «A settembre inizierò, con l’ausilio dei dirigenti scolastici, una campagna informativa di prevenzione. Garantiremo controlli con l’etilometro per la guida in stato di ebrezza e sotto assunzione di sostanze stupefacenti. Ci occuperemo di armare tutto il comando di polizia municipale in maniera tale che, ricoprendo ruoli di polizia giudiziaria, riescano ad affrontare situazioni avverse» comunica l’assessore. «Ci metteremo sin da subito a lavoro per il bene della nostra città . I nostri concittadini aspettano delle risposte e noi abbiamo il dovere di darle. Sono sicura che riusciremo a migliorare il nostro paese e ad assicurare una vita più sicura».

  • pantaleo

    Ora veramente siamo alla frutta!!!!ma come si può’ dare un’assessorato alla sicurezza ad una ragazza inesperta che non ha nulla a che fare con questa materia alquanto impegnativa?Acqua da tutti i fori!!!che vergogna!!!!!

    • Onesto

      Pantaleo cambia tubista visto che a casa tua fa acqua da tutte le parti. Buoni solo a criticare mettetevi in gioco se capaci altrimenti muti.

      • Ospite1

        Certo muti, non ci sono parole per definire questa amministrazione.
        Sono dei dei pupazzi mossi da un unico regista il PUPARO e dietro di lui una massa di pecore incompetenti.

  • pantaleo

    Per mettersi in gioco bisogna innanzitutto capirci qualcosa su quello che bisogna andare a “fare”,posso mettermi in gioco su quello che so “fare” e non su cose che non conosco minimamente!!!!ma e’ inutile parlare tanto gli interessi prevaricano sempre su tutto e questa ultima delega e’ un esempio lampante,se poi vogliamo anche parlare del nuovo vicesindaco che ha cambiato più’ partiti lui che una MERETRICE UCCELLI sulla strada di Canosa allora e’ meglio secondo il mio modesto parere non permettersi minimamente di parlare di “mettersi in gioco”.QUESTA AMMINISTRAZIONE E’ A DIR POCO SCANDALOSA!!!!

  • Antonio

    Ma io dico che c è una ignoranza atavica in questo giornale!! La delega al commercio non esiste!!! L assessore zamparese mantiene sempre la delega alle attività produttive e alla sicurezza… Al consigliere specchio L incarico di pseudo consulente alla redazione del documento urbano di commercio alla luce del nuovo codice del commercio emanato appena ul2014!! Ma insomma dico io!!! Nemmeno L accortezza di leggere almeno le carte!!!! Poi uno non deve dire che sto giornale non è di parte!

    • Ospite1

      Ma vatti a fare una pompa che è meglio Alleggerisci