Siamo ormai nel mese di luglio e, formalmente, si è già nella stagione sportiva 2016/2017, alla quale l’Audace Cerignola parteciperà al campionato di Eccellenza. La società del presidente Nicola Grieco entro il 25 luglio dovrà formalizzare l’iscrizione al torneo, versando la quota a partire dalla data del 18 luglio. Una “premier league” pugliese che sarà disputata sul nuovo manto erboso dello stadio “Monterisi”, i cui lavori sono partiti ufficialmente ieri e che (rispettando i tempi previsti) consentiranno agli ofantini di presentarsi al via della nuova annata regolarmente davanti al proprio pubblico, magari anche con l’aggiunta dei riflettori. La formazione gialloblu, con alla guida il confermatissimo Massimo Gallo, ha finora aggiunto un solo volto nuovo alla rosa, ossia il centrocampista Albanese, proveniente dal Manfredonia. La dirigenza non fa mistero sui colpi da effettuare in questa sessione di mercato, per rafforzare un organico già parecchio competitivo: si cercano un esterno sinistro under ed un difensore centrale, un centrocampista di manovra ed una punta che assicuri gol e sostanza. Profili ben definiti, sui quali c’è la voglia di ponderare al massimo tutte le scelte, per assicurare al mister elementi di assoluto valore.

Uno di essi potrebbe rispondere al nome di Manuel Vergori, centrale di retroguardia che nella scorsa stagione ha vestito la maglia del Manfredonia: il 30enne salentino è molto vicino all’Audace, c’è un accordo sulla parola fra le parti, ma ancora non si è raggiunta una intesa ufficiale. Accostato al Cerignola anche Massimo Pollidori, centrocampista classe 1987, nell’ultimo campionato divisosi fra Bisceglie e San Severo: anche in questo caso c’è stato un incontro, che però è apparso abbastanza interlocutorio. Numerosi invece sono i calciatori che si sono proposti spontaneamente alle “cicogne”, in diversi ruoli, interessati al progetto ambizioso e di ampio raggio del club, come ad esempio la punta Di Rito. Il capitolo under sarà da tenere strettamente in considerazione, visto che la Figc Puglia (rivedendo la decisione precedente) ha deciso di mantenere la regola dei tre giovani in campo -due 1997 ed un 1998-, invece di due. Il vivaio cerignolano è molto florido, come dimostrato nei mesi scorsi, dunque non dovrebbero manifestarsi grossi problemi: le soluzioni si hanno in casa e, forse, l’unica eccezione sarà l’esterno sinistro sopra citato.

A breve comunque, l’Audace renderà noti i primi acquisti per la prossima avventura: un silenzio finora che non sa di improvvisazione, ma di oculatezza e desiderio di centrare perfettamente gli obiettivi ricercati. Un mercato che in ogni caso stenta a decollare un po’ in tutta la nuova Eccellenza: le più attive sono Unione Calcio Bisceglie e Team Altamura, con i murgiani che però nutrono più di una speranza per un possibile ripescaggio in serie D.