“In questo momento di forte dolore e commozione, avverto il profondo bisogno di ringraziare a nome di tutta la città i soccorritori della Croce Rossa Italiana del comitato di Cerignola, accorsi prontamente sul luogo dell’impatto tra due treni avvenuto nella campagna coratina”. Con queste parole il Vicesindaco con delega alle Politiche Sociali, Formazione e Lavoro del Comune di Cerignola, Rino Pezzano, coglie l’occasione per sottolineare l’impegno profuso dai circa 70 volontari partiti dal centro ofantino.

“Gli operatori – prosegue il Vicesindaco – hanno lavorato tutta la notte scorsa alla ricerca dei dispersi, prestando anche supporto psicologico e mettendo a disposizione ben cinque ambulanze. Una gara di solidarietà che ha coinvolto tutti, così come testimonia l’elevato numero di cittadini che si sono recati al Centro trasfusionale dell’ospedale Tatarella e in maniera spontanea hanno deciso di donare il sangue: rivolgo un ringraziamento sentito anche a loro”.

“Dopo le prime ore in cui si rincorrevano tante notizie – continua Pezzano –, apprendo con profondo dolore dagli organi di stampa che tra le 23 vittime accertate c’è anche una donna nata a Cerignola. Si tratta di Donata Pepe, la nonna che con il suo corpo ha protetto il nipotino Samuele, estratto vivo dalle lamiere, che proprio ieri ha compiuto 7 anni. Alla sua famiglia e ai parenti di tutte le vittime va il cordoglio di tutta la comunità cerignolana”. “I piccoli, grandi gesti di solidarietà all’interno di questa immane tragedia – conclude Pezzano – ci restituiscono una comunità che, al momento del bisogno, si stringe intorno ai più fragili, ai più colpiti. La risposta dei soccorritori è stata tempestiva e perfetta. E di questo sono estremamente orgoglioso”.