I Carabinieri di Cerignola hanno arrestato in flagranza IGNATOV Simeon Iliyanov, Bulgaro classe 1991, per atti persecutori ed estorsione nei confronti della sua convivente. Il predetto, in più circostanze e con condotte reiterate, ha compiuto atti di molestia nonché di violenza fisica e verbale, in modo da cagionarle un perdurante e grave stato di paura e preoccupazione per la propria incolumità fisica. La vittima, poco prima dell’arresto, era stata aggredita dall’uomo, riportando lesioni guaribili in 20 gg; nel medesimo contesto si è accertato che il prevenuto in diverse occasioni, mediante minacce, ha anche costretto la donna a consegnargli  somme contanti di importo variabile tra le 20 e le 50 euro, per l’acquisto di bevande alcoliche. L’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Foggia.

I militari della Stazione Carabinieri di Stornara, hanno tratto in arresto in flagranza DILORENZO Antonio, classe 1977, titolare di un panificio, per furto aggravato poiché, al fine di procurarsi indebitamente energia elettrica presso il citato esercizio, aveva installato illecitamente un magnete sul contatore ENEL, alterando la misurazione dell’energia elettrica prelevata, ed impossessandosene abusivamente per un valore complessivo di circa 17.500 euro. L’arrestato è stato posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA REPLICA DEL LEGALE

I Carabinieri di Sant’Agata Di Puglia hanno arrestato in flagranza ILIEV Georgi Georgiev, Bulgaro classe 1966, per furto aggravato poiché, al fine di procurarsi indebitamente energia elettrica presso la propria abitazione, aveva predisposto illecitamente un pericoloso allaccio diretto al cavo elettrico alla rete ENEL, impossessandosi abusivamente di energia elettrica per un valore complessivo di 8.600 euro circa. Il medesimo è stato deferito in stato di libertà anche per possesso di segni distintivi contraffatti poiché, nel corso della perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di un maglione di colore nero con striscia rossa al petto e con la scritta “Carabinieri”, la cui provenienza è in corso di accertamento. L’arrestato è stato posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

CONDIVIDI
  • Gianni

    Buttateli nei forni crematori, subito!!!!