Sempre più frenetico il mercato della Castellano Udas Basket. A poche ore dalla riconferma di Tredici e Marchetti, pedine fondamentali della squadra che nella scorsa stagione trionfò nel torneo regionale C Silver, la società rende noto di aver raggiunto l’intesa con l’ala piccola Ivan Scarponi. Ivan è di Roma, ed è cresciuto nell’Eurobasket Roma. Poi viene notato a Siena dove gioca con la Mens Sana Siena, vincendo tre campionati giovanili in due stagioni. E’ stato convocato diverse volte con le nazionali Under 18 e Under 20, disputando una semifinale agli Europei di categoria del 2006.

Ivan è mancino ed ha un tiro micidiale dalla lunga distanza, ma con il fisico atletico e possente che si ritrova, è anche un gran difensore. Ha vestito  le maglie di Montecatini (A2), Porto Torres (B1), Gragnano, Fidenza, Trieste, Massafra. Ma se c’è una squadra a cui è legato, quella è San Severo, dove resta per alcune stagioni (due in DNA, una in DNB ed una in B unica), intervallando le esperienze foggiane con puntate nell’Ambrosia Bisceglie e nella Eurobasket Roma (sempre in serie B). E’ reduce da un campionato di altissimo livello ancora a San Severo, che lo ha condotto fino alla semifinale playoffs con delle statistiche da fuoriclasse. Ivan è laziale di fede calcistica, e tiene per la Virtus Roma (anche se è un po’ in declino). Segue l’NBA e tifa per i Chicago Bulls. Lo abbiamo raggiunto poco fa al telefono ed ecco cosa ci ha raccontato.

Allora Ivan, è ufficiale, sei un ‘cannibale’ anche tu!

Si e ne sono felicissimo. Avevo avuto alcuni contatti con la dirigenza udassina già da una decina di giorni e mi stuzzicava moltissimo l’idea di restare nel foggiano, dove ho vissuto anni veramente molto belli.

Conoscevi già l’Udas?

In realtà si, mi tengo sempre aggiornato sui campionati regionali, e poi due anni fa le strade dell’Udas e di San Severo si sono incrociate. Lo scorso anno, poi, avevo in squadra con me Giovanni Romano, un cerignolano doc, che un po’ di cosette me le ha raccontate. So, inoltre, che avete un pubblico bellissimo e molto caloroso e questo mi strapiace.

Allora ci vediamo fra una ventina di giorni al PalaUdas…

Non vedo l’ora. Io sono pronto a dare il massimo. Conosco alcuni dei prossimi compagni di squadra e so che è tutta gente di grande livello. E poi mi hanno parlato benissimo di coach Marinelli. Ci sono tutti i numeri per regalare un sogno a questa città. Io sono pronto a fare la mia parte.

CONDIVIDI