A Manfredonia i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, intervenivano sul lungomare a seguito della richiesta di aiuto di una donna che segnalava di essere minacciata dall’ex coniuge. Immediatamente giunti sul posto indicato, i militari notavano un uomo, identificato poi nel 50enne PROTA Gaetano, nei pressi di un esercizio commerciale che, brandendo tra le mani un grosso bastone in legno, minacciava di morte la donna che aveva trovato rifugio all’interno. Bloccato e condotto in caserma, i Carabinieri procedevano a ricostruire compiutamente l’intera vicenda, emergendo a carico dello stesso diverse denunce per atti persecutori nei confronti dell’ex moglie. Lo stesso veniva quindi tratto in arresto per stalking ad associato alla casa circondariale di Foggia dove è rimasto a seguito della convalida.

I Carabinieri della Stazione di Zapponeta hanno tratto in arresto il 48enne Vincenzo VALENTINO. I militari sorprendevano l’uomo mentre irrigava 8 piante di marijuana alte circa due metri e mezzo. Le perquisizioni estese ai veicoli ed all’abitazione dello stesso permettevano di rinvenire altra droga. L’esito delle analisi effettuate sulla sostanza stupefacente ha stabilito che la droga sequestrata era idonea al confezionamento di 585 dosi. L’arresto è stato convalidato ed il soggetto si trova sottoposto ai domiciliari.

I Carabinieri della Stazione di Monte Sant’Angelo hanno tratto in arresto per evasione PALENA Raffaele, 23 anni, già sottoposto ai domiciliari per reati contro il patrimonio ed in materia di armi. I militari lo sorprendevano su un terrazzo adiacente alla sua abitazione dove veniva rinvenuto un bilancino di precisione, una spatola in metallo intrisa di sostanza stupefacente, un cannello portatile a gas per riscaldare la medesima sostanza, del cellophane, un taccuino con annotati nomi di “clienti” ed un secchio contenente semi e piante di marijuana. Dopo la convalida dell’arresto, il PALENA è stato sottoposto ai domiciliari.