I Carabinieri della Stazione di Cerignola, all’esito di una serrata attività di indagine conseguente ad attività informativa di iniziativa, congiuntamente a personale del 6° Elinucleo Carabinieri di Bari, hanno tratto in arresto in flagranza di reato VIRGILIO Michele, classe ’90, VIRGILIO Riccardo, classe ’93, e DALESSANDRO Savino, classe ’70, cerignolani, per coltivazione di sostanze stupefacenti del tipo marijuana in concorso con l’aggravante dell’ingente quantitativo. I militari operanti, in una zona compresa tra Cerignola e Loconia, nel corso di un’accurata perlustrazione da terra e dall’alto, si imbattevano in una immensa coltivazione di marijuana occultata alla perfezione tra le campagne a ridosso del fiume Ofanto e la vegetazione spontanea del medesimo corso d’acqua. All’esito di una immediata attività di indagine, i Carabinieri individuavano i responsabili dell’illecita coltivazione mentre erano intenti ad occuparsi del raccolto.

I Carabinieri, quindi, intervenivano per bloccare gli stessi e ne scaturiva un inseguimento che, nonostante l’estremo tentativo di guadagnare la fuga da parte dei tre in direzioni diverse, culminava con il loro arresto a seguito del quale venivano associati presso la casa circondariale di Foggia a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. All’esito della convalida dell’arresto, i tre sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.

La piantagione scoperta è risultata composta da quasi 1600 piante di cannabis indica di un’altezza media di 3-4 metri, per un peso complessivo di oltre 3,5 tonnellate. Le piante sono state tutte estirpate e sottoposte a sequestro. Le analisi del Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti dei Carabinieri di Foggia hanno permesso di stabilire che da quanto sottoposto a sequestro era possibile ricavare poco meno di 77 kg di principio attivo puro nonché circa 3 milioni di dosi medie singole, sulla base delle tabelle ministeriali.

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • matteo

    che schifo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Andate a tagliare l’uva!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Maria Pia Enzo Papagni

      Matteo sono la figlia …. Mio padre stava a caccia , qua dicono un sacco di cazzate …in flagranza ?? Ahaha mi fanno ridere…. Non sanno che inventarsi… Rovinano solo la gente… Mio padre ha un lavoro che fortunatamente non ha bisogno di fare queste cose … Mio padre è cacciatore è si è trovato in un posto dove non doveva …. È mio padre non è stato inseguito … È rimasto lì lecito !!! Quindi prima di parlare accertatevi … E comunque mio padre va a tagliare L uva 😌

      • Antonio

        Io ti credo Maria pia, tuo padre ha la faccia della persona per bene.

        • Maria Pia Enzo Papagni

          Lo so io non ci credo ancora 😰

  • carmela

    ma è il fratello di marcella e valentina dalessandro?

    • ripalta

      si è il fratello

      • antonella

        madu veramente?

  • Asia

    Comunque era con gli altri 2 o non li conosceva?

  • Asia

    Ed era un orario in cui si può cacciare?perché per cacciare ci sono delle regole da rispettare!

    • Tango

      Le piantagioni si possono cacciare in qualsiasi ora del giorno e della notte. Il fucile da caccia serve per difendersi da chi fraintende la tua presenza in posti ove si pratica l’illegalità. 😀

      • Maria Pia Enzo Papagni

        Tango ma cosa stai dicendo? 😑 Mio padre non aveva fucile stava con il cane inerente alla caccia …cosa leggono i miei occhi… Sai più tu 😅😵

    • Maria Pia Enzo Papagni

      24 ore su 24

      • tango

        a caccia con il cane e la lancia come l’uomo di neanderthal? no… per sapere eh???

        • Maria Pia Enzo Papagni

          Non ne sai niente…taci no ?

  • silvano

    tagliateli le palle

    • Maria Pia Enzo Papagni

      Impiccati scemo! Non servi all’umanitá!

      • carmela

        concordo con silvano amputare le palle

        • Maria Pia Enzo Papagni

          Io ti amputerei la testa 😉