Nella terza giornata di Eccellenza, il calendario propone per l’Audace Cerignola la trasferta a Gallipoli, ostacolo che può rivelarsi molto insidioso per gli ofantini. Sarà un test rilevante, perché si avrà modo di confermare se è stato messo definitivamente alle spalle lo stop con l’Atletico Vieste in coppa Italia: è noto poi che giocare nei campi del Salento non è agevole per nessuno (vedi sconfitta del Barletta a Casarano all’esordio), tradizionalmente molto caldi. Domenica scorsa i ragazzi hanno risposto molto bene, battendo una Vigor Trani zeppa di juniores: ciò non toglie però che l’atteggiamento è stato determinato ed agonisticamente apprezzabile fin dall’inizio, scacciando via le ipotesi di sottovalutazione dell’impegno. Mister Crudele, come anche sottolineato nelle interviste del dopo gara, ragiona settimana per settimana: è a completa disposizione dell’Audace e porterà avanti il lavoro fino a quando gli verrà richiesto. A prescindere da questo, la formazione gialloblu non ci sta a sentir parlare di crisi e vuole dimostrarlo con i risultati: una eventuale vittoria nel leccese sarebbe una grande iniezione di fiducia per un gruppo comunque consapevole dei propri mezzi.

Sarà un match assai particolare per Luigi Dipasquale: l’attaccante ha vestito la maglia giallorossa nella stagione 2003/2004, quando trascinò i compagni alla vittoria dell’Eccellenza, con 20 reti in 31 partite. Quella strepitosa annata, fu il trampolino di lancio per la serie A, visto che poi il Brescia si assicurò le prestazioni del bomber. Il capitano cerignolano non nasconde l’emozione del ritorno in uno stadio che l’ha visto grande protagonista, promette di non esultare in caso di gol e rende merito a quella stagione in riva allo Ionio: senza di essa, ha detto, non avrei giocato in massima serie. Tuttavia, al fischio dell’arbitro, Dipasquale lotterà come sempre per la sua città, per continuare a marciare a punteggio pieno in vetta alla classifica. Circa lo schieramento da adottare domani, Crudele deciderà in base all’avversario ed allo stato generale dei suoi uomini: gli undici visti contro il Trani hanno convinto, ma a gara in corso potrebbero esserci valide armi da utilizzare, come Lasalandra e Giuseppe Grieco, finalmente di nuovo in campo a circa nove mesi dall’infortunio.

Una vittoria ed una sconfitta: è il bilancio del Gallipoli nelle prime due giornate (successo interno col Vieste e ko a Barletta), che però si trova ad un punto in classifica, poiché ha dovuto scontare due punti di penalizzazione per vertenze relative al precedente campionato in serie D. Per il “gallo” anche una presenza in serie B (2009/2010), ed ora il tentativo di rinascita passa da Christian Cimarelli (ex calciatore di scuola Fiorentina con qualche presenza in A). Nuova società in estate e progetto da impostare sui giovani, con qualche innesto di esperienza: da segnalare fra i salentini il portiere Passaseo, il centrocampista Legari ed il difensore Cornacchia. Ultimo precedente fra le due squadre allo stadio “Antonio Bianco” risalente all’Eccellenza 2012/2013, finì 2-1 per i locali. Calcio d’inizio alle ore 15.30, con la direzione di gara affidata per la prima volta in stagione ad un arbitro fuori regione, il sig.Salvati, della sezione di Sulmona.