Bologna, 10 ottobre 2016 – Hanno avvicinato una prostituta fingendo di volere contrattare una prestazione, ma era una scusa per rapinarla. A compiere l’aggressione, verso l’1.30 della scorsa notte in zona Casteldebole, periferia di Bologna, è stato un gruppo di quattro giovani, tutti arrestati dalla polizia.

Gli agenti di una volante erano infatti nei pressi e hanno intuito quello che stava succedendo. In manette, per rapina aggravata in concorso, sono finiti due foggiani di 21 e 28 anni, un 22enne romeno e un 22enne marocchino, l’unico incensurato. Avevano preso di mira una romena di 20 anni che si prostituiva sulla rotonda fra viale Salvemini e viale Togliatti: due sono rimasti in auto, altri due hanno avvicinato la ragazza e, dopo essersi finti clienti, l’hanno spintonata contro la pensilina di una fermata dei bus e le hanno strappato di mano la borsa. La fuga è durata solo pochi minuti: i poliziotti li hanno bloccati in viale Togliatti. Sull’auto, oltre alla borsa, sono stati sequestrati un passamontagna e arnesi da scasso.

Tratto da ilrestodelcarlino.it – 10 ottobre 2016