Giunge in Redazione un comunicato stampa del gruppo consiliare di centrosinistra nel quale il gruppo d’opposizione spiega il perché dell’abbandono dell’aula Consiliare in occasione dell’assise di ieri pomeriggio. Di seguito la nota completa.

A seguito di richiesta di convocazione del Consiglio Comunale da parte dei consiglieri di centrosinistra, ieri sera avremmo dovuto discutere e votare un preciso ordine del giorno riguardante i 15.000 euro girati dall’amministrazione alla agenzia della figlia dell’assessore Marino (la Daruma s.r.l.), nell’ambito dell’evento flop “Cerignola SiCura”.

Il suddetto punto all’ordine del giorno è stato immotivatamente respinto dal Presidente del Consiglio che, nella sua comunicazione di rigetto della nostra convocazione, ha fatto riferimento ad un parere del Ministero dell’Interno riguardante i “diritti e le garanzie del consigliere comunale”, sostenendo che la nostra richiesta riguardasse argomenti estranei alle competenze del consiglio.

Si tratta di un parere di gran lunga superato da successivi interventi dello stesso Ministero che, esprimendosi in senso più ampio, ha affermato che nell’ipotesi in cui sia richiesto l’inserimento all’ordine del giorno di argomenti non strettamente rientranti nelle competenze del consiglio, gli stessi dovrebbero comunque essere ammessi dal presidente ogniqualvolta si concretizzino nella generica determinazione di atti di indirizzo o nell’espletamento di un’attività di controllo politico, finalizzati a consentire un dibattito in seno al consiglio in ordine ad un accadimento che non può ritenersi estraneo alla sfera degli interessi della comunità che il consiglio rappresenta.

L’art. 39 del TUEL non pare lasciare dubbi circa il carattere vincolante della richiesta (significativo il dato letterale della norma: «Il presidente del consiglio comunale è tenuto a riunire il consiglio, in un termine non superiore a venti giorni, quando lo richiedano un quinto dei consiglieri, o il sindaco, inserendo all’ordine del giorno le questioni richieste».

Inoltre, all’incirca un anno fa questo consiglio ha discusso e deliberato su una questione non di sua competenza: la mensa scolastica.

In quell’occasione è stato votato un ordine del giorno di indirizzo al dirigente al ramo per la redazione del bando mensa. Se è vero che, ex art. 7 regolamento comunale, il Presidente, nell’esercizio delle sue funzioni, si ispira a criteri di imparzialità, anche quella volta avrebbe dovuto rigettare la richiesta di auto convocazione, perché, secondo la sua interpretazione, vertente su questioni prettamente tecniche ed estranee alle competenze del consiglio.

Ma la mensa scolastica non poteva ritenersi estranea alla sfera di interessi della comunità e, giustamente, il consiglio comunale discusse e deliberò.

Ieri avremmo dovuto discutere di soldi pubblici, di come sono stati utilizzati e di come un assessore ed un consigliere ne hanno tratto beneficio. Ma ieri no, ieri non faceva comodo.

Questo Consiglio Comunale per l’ennesima volta è stato offeso e svilito nelle sue funzioni, svuotato delle sue prerogative, perché è venuto meno il suo obiettivo principale, che è quello di indirizzo e controllo sugli atti di una Giunta che invece, per il tramite dell’operato del Presidente, imbavaglia la discussione e mortifica il senso stesso di questa assise, rendendola praticamente inutile.

Ancora una volta, non è stata tutelata le minoranza perché sul caso Marino e su tutti gli altri casi simili che sono temi di enorme interesse pubblico, come il caso Marinelli, o quella serie infinita di affidamenti diretti e bandi su cui legittimamente la minoranza vuole far valere il suo diritto al controllo, vige il regno dell’omertà e la questione formale è un filo sottilissimo dietro il quale nascondersi.

Il dibattito tra forze politiche è stato totalmente svilito tramite un processo degenerativo che sin dall’inizio ha manifestato sistematiche violazioni del regolamento: monologhi del sindaco, mancata risposta alle interrogazioni o risposta demandata ad assessori che non sapevano che dire, dibattito disertato su temi fondamentali, consiglieri del centrosinistra sistematicamente interrotti durante i loro interventi. E ancora commissioni raramente convocate e costantemente disertate dai consiglieri di maggioranza.

Il consiglio comunale è assente sui grandi temi: legalità, ambiente, salute pubblica ed ospedale.

Alle legittime domande poste dalla minoranza al massimo si risponde con insulti sui social.

Siamo dinanzi ad una gestione cieca e dittatoriale del potere amministrativo. Si parla solo di quello che è congeniale al Sindaco che decide senza mai ascoltare l’opposizione, quanto la maggioranza.

Funziona così in consiglio, nelle commissioni e nel dibattito pubblico.

Per le suddette ragioni i consiglieri comunali del centrosinistra abbandonano l’aula in segno di protesta.

Ma non è un Aventino, non ci isoleremo su un colle. La storia ha dimostrato che con taluni personaggi non funziona. Non abbiamo partecipato al Consiglio Comunale di ieri perché non c’era il punto dai noi richiesto.

Ma subito dopo il consiglio ci siamo mobilitati lungo Corso Aldo Moro tra le persone, tra i cittadini, per spiegare cosa accaduto. Restare nell’aula non avrebbe avuto senso.

Lo facciamo per rispetto di noi stessi e per quella che è la nostra storia, la nostra idea di politica e di dialettica tra maggioranza e opposizione.

Noi non ripresenteremo più nessuna convocazione del Consiglio Comunale sul caso Marino. Lo faccia la maggioranza se ritiene quanto accaduto argomento politicamente rilevante. In caso contrario sarà evidente che il motivo formale è solo stato una scusa per non discutere in assise, frustrando il ruolo del Consiglio In caso contrario vorrà dire che tutti i consiglieri comunali di maggioranza presenti ieri in quell’aula sono d’accordo con il comportamento assunto dall’Assessore e quel modo di gestione della cosa pubblica..

Il nostro gettone di presenza per il Consiglio Comunale di ieri, infine, sarà devoluto alla  Cooperativa “Promozione Sociale e Solidarietà” che gestisce CAV Centro Anti Violenza “Titina Cioffi” di Cerignola .

  • Antennista in esclusiva

    Ma il tipo che commenta sempre sui social quello che si vuole sempre mettere in mostra con un italiano ricercato ( chi ti aiuta a scrivere?) . Si quell ex …..quello a cui hanno dato il bicchiere per insegnargli a fare la O. Quello che si occupava di antenne e varie ed eventuali…vorremmo dire…ma non hai un lavoro? Non hai un hobby…Non hai un interesse? Hai imparato a fare la O? Un continuo scocchiamento su Facebook. Ma chi si…che a fatt…patetico e ridicolo

  • Gino

    Ma pensate a lavorare invece di lamentarvi sempre. Se non è vostro mestiere andate a casa.

  • Pinuccio Bruno

    Considero assai convincenti le ragioni dell’abbandono dall’Aula
    Consiliare da parte della Minoranza Consiliare, costituita maggiormente dal Partito
    Democratico. Il diniego del Presidente
    Leonardo Paparella a discutere il CASO MARINO
    sarà stato probabilmente un “atto forzato” teso al mantenimento di un certo equilibrio
    interno e che, comunque, ha soppresso il
    DIRITTO ALLA CHIAREZZA cui ha ciascun
    cittadino di Cerignola. Ciò, ha
    inevitabilmente accresciuto il dubbio
    sulla liceità del deliberato e di
    conseguenza messo ancor più in imbarazzo l’Amministratore in questione.

    Apprendo che, la citata
    Minoranza non ripresenterà la richiesta di convocazione per dibattere l’argomento,
    ma si affiderà alla logica del “buon senso”della Maggioranza.
    Auspicio del tutto legittimo. Ciò ,
    però, pone un interrogativo: e se tale sensibilità la medesima non la mettesse
    in atto, cosa farebbe la Minoranza
    – forte delle sue ragioni – diserterà le future Assisi in attesa che la Maggioranza
    un giorno rinsavisca? Io non credo, che
    i Consiglieri che sostengono codesta Amministrazione avranno fiato o ardire
    sufficiente per convincere qualcuno
    a ribaltare l’assurda posizione già
    presa. Sarebbe un segnale incoraggiante
    per tutti, se venissi smentito. In ogni
    caso, un po’ curiosi e soprattutto interessati , staremo
    a vedere come finirà il braccio di ferro tra le parti in controversia.

    Un altro punto altrettanto molto interessante sul piano
    politico, riguarda la quasi contemporaneità dell’uscita dall’Aula di tre
    componenti la Maggioranza: Cioffi,
    Bonavita, Lapiccirella. Io pur avendo
    assistito alla scena, il motivo non è stato esplicitato. Sarebbe interessante saperlo! Il gesto, verosimilmente, può significare che
    qualcosa in seno alla Maggioranza non gira per il verso giusto. Anche in questo caso staremo a verificare se si sarà trattato qualcosa
    di serio , oppure, di un capriccio al
    quale , come spesso accade, si pone rimedio con semplici artifizi.