Ha fatto il suo debutto ieri, a Roma, nella cornice istituzionale della Sala Cavour del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, l’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto: la prima associazione che riunisce l’eccellenza della ristorazione italiana in un’unica realtà aggregativa con l’obiettivo di far sistema, per valorizzare il patrimonio culturale agroalimentare ed enogastronomico nazionale, sia in Italia che all’estero.

Presieduta da Cristina Bowerman, con Carlo Petrini presidente onorario, l’associazione, senza scopi di lucro, rappresenta il mondo della ristorazione in ogni suo aspetto. Ne fanno parte cuochi, ristoratori, pizzaioli, sommelier, persone di sala, pasticceri e gelatieri: nomi di rilievo, ma soprattutto persone che, con il proprio impegno e la qualità del proprio lavoro, hanno reso eccellente la cucina italiana e il settore.

TRA I FONDATORI C’E’ ROSARIO DIDONNA – Si possono contare sulle dita della mano i pugliesi presenti tra i 44 fondatori e tra questi c’è il cerignolano Rosario Di Donna, ristoratore di successo, da qualche anno impegnato nel coordinare la selezione di prodotti per il famoso market place Foodscovery.com. Di Donna rappresenterà al pari di Cracco, Marchi, Cannavacciuolo e molti altri “ambasciatori” il gusto italiano nel mondo attraverso una serie di iniziative calendarizzate a partire dal prossimo novembre.

“Grazie alla recente esperienza di Expo Milano 2015, il significato di Ambasciatori ha incontrato il nostro mondo, richiamandoci a un’ambiziosa missione: divulgare in Italia e nel mondo l’identità, la storia, la sensibilità del nostro Paese attraverso la nostra passione, il nostro lavoro – afferma il presidente Cristina Bowerman, anche lei di origini cerignolane. La cucina italiana oggi è tradizione, eccellenza e indissolubile legame col territorio. Ma anche ricerca e innovazione: crescita guidata dal più articolato dei sensi, il gusto. Parlando di Ambasciatori del Gusto, oggi, pensiamo al lavoro di donne e uomini, che vivono non solo nelle cucine o nei ristoranti, ma viaggiano, apprendono e restituiscono l’esperienza vissuta attraverso l’interpretazione. La nostra missione parte dalla consapevolezza che raccontare e valorizzare il patrimonio dell’enogastronomia italiana significhi contribuire, in sinergia con le Istituzioni, anche allo sviluppo del Paese”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nata il 20 giugno con 44 fondatori, l’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto ad oggi annovera 90 associati (tra fondatori e benemeriti).

L’iniziativa di ieri al Mipaaf e alla presenza del Ministro Maurizio Martina, della stampa e delle istituzioni, è il frutto di una riflessione di lungo corso che ha conosciuto i passaggi di svolta e di maturazione dei suoi obiettivi in momenti istituzionali incisivi come: il Primo Forum della Cucina Italia (2 marzo 2015), la presentazione, durante Expo Milano 2015, del “Food Act” (27 luglio 2015) – il documento programmatico che, per la prima volta in materia agroalimentare, presenta un piano di azione per la valorizzazione della cucina italiana mettendo a sistema istituzioni e professioni del settore – e successivamente, la firma del Protocollo di Intesa per la Valorizzazione all’Estero della Cucina Italiana di Alta Qualità (15 marzo 2016).

Ed è proprio anche con il supporto delle istituzioni, e a sostegno delle stesse, che l’Associazione intende concretizzare in progetti i propri scopi. Obiettivi che vanno dalla promozione dei prodotti italiani e dei valori del Made in Italy, in Italia e all’estero, al mantenimento di un ruolo attivo nella promozione della cultura del cibo nelle scuole e nelle strutture sanitarie; alla creazione di occasioni di confronto e di scambio su temi sociali e importanti per il settore, coinvolgendo soggetti nazionali, europei e internazionali, per la costruzione di un messaggio coordinato, a sostegno della qualità e del benessere generale. Questo, senza dimenticare gli aspetti formativi delle nuove generazioni, cui rivolge i propri progetti per migliorare il percorso di studio e di lavoro, cercando un dialogo diretto con il Ministero dell’Istruzione.

Numerose saranno le iniziative governative cui l’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto prenderà parte, dando il proprio contributo e sostegno. La prima in ordine temporale: la prima settimana della cucina italiana di qualità nel mondo fissata dal Governo a fine novembre (21-27 novembre 2016).

Sono intervenuti alla conferenza stampa (ore 11 – Sala Cavour) Cristina Bowerman (Presidente Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto), Paolo Marchi (Vicepresidente Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto), Corrado Assenza (pasticciere), gli chef Carlo Cracco e Davide Oldani, Franco Pepe (pizzaiolo), Carlo Petrini (Presidente di Slow Food).

AMBASCIATORI DEL GUSTO – Fondatori

Alciati Ugo, Assenza Corrado, Battisti Cesare, Bartolini Enrico, Berton Andrea, Bonci Gabriele, Bosco Renato, Bottura Massimo, Bowerman Cristina, Brunelli Paolo, Callegari Stefano, Camanini Riccardo e Giancarlo, Cannavacciuolo Antonino, Caputo Maria e Alfonso, Carrus Giuseppe, Caruso Martina e Luca, Cedroni Moreno, Ceraudo Caterina, Cerea Enrico, Coccia Enzo, Colonna Antonello Costardi Christian e Manuel, Cracco Carlo, Cuttaia Pino, De Gregorio Mimmo, Del Duca Davide, Delcourt Alice, Di Benedetto Patrizia, Di Donna Rosario, Fusco Andrea, Genovese Anthony, Giacomello Terry, Gilmozzi Alessandro, Klugmann Antonia, Iaccarino Ernesto, Leemann Pietro, Lopriore Paolo, Marchi Paolo, Marziale Rosanna, Mellino Antonio, Niederkofler Norbert, Oldani Davide, Padoan Simone, Papa Edoardo, Pascucci Gianfranco, Pepe Franco, Perbellini Giancarlo, Petza Roberto, Piccini Valeria, Pipero Alessandro, Ribaldone Andrea, Romito Niko, Sabatelli Angelo, Sacco Marco, Salvo Francesco e Salvatore, Scabin Davide, Scalabrini Marta, Scalera Antonio, Scarello Emanuele, Serva Sandro e Maurizio, Sirk Tanja, Stabile Marco, Terrinoni Giulio, Tubelli Antonio, Usai Daniele, Varese Viviana, Zito Pietro.

AMBASCIATORI DEL GUSTO – Associati BENEMERITI

Bergami Max, Bolasco Marco, Capatti Alberto, Cassi Davide, Cozzella Eleonora, Cremona Luigi, Feolde Annie, Grignaffini Andrea, Iaccarino Alfonso e Livia, Marchesi Gualtiero, Montanari Massimo, Moroni Aimo e Nadia, Pignataro Luciano, Pinchiorri Giorgio, Raspelli Edoardo, Salvemini Severino, Santin Ezio e Renata, Sarcina Toni, Tonelli Massimiliano, Vizzari Enzo.

  • Attilio d’anna

    Complimenti Rosario,
    sei un vero e proprio orgoglio di Cerignola,
    grande… grande… grande…