Quinta giornata del campionato di Serie C Silver: primo turno infrasettimanale della stagione, con le attese per le nostre formazioni in cerca di conferme, sia pur in situazioni differenti. La Castellano Udas domani sera alle 20.30 è attesa dalla trasferta in casa della Libertas Altamura, avversaria che proprio due giorni fa ha battuto il Pasca Nardò e punta a non sfigurare davanti al proprio pubblico. I biancazzurri di Luigi Marinelli, dopo il sofferto successo contro Castellaneta, cercano di confermare il momento positivo e a dare tutto, pur consapevoli che sarà una gara non facile. Le impressioni della vigilia, in esclusiva per lanotiziaweb.it, le racconta Mattia Marchetti al termine dell’ultimo allenamento di questa mattina: «Non è un caso che Altamura stia vivendo un momento di forma importante: anche la vittoria contro Nardò lo ha dimostrato, quindi andremo lì cercando di dare il massimo. Contro Castellaneta non è stato semplice, dovremmo riuscire a chiuderle prima queste partite: ci aspettano sfide assolutamente difficili ed è per questo che la concentrazione è fondamentale per ciò che ci aspetta». Arbitri del confronto saranno Menelao di Bari e Paradiso di Santeramo.

Per l’Olimpica Ecodaunia Basket partita proibitiva (giovedì sera, ore 20 al Pala “Di Leo”) contro la corazzata Cestistica Ostuni: i gialloblu di Gesmundo si ritroveranno con pochissimi effettivi in campo. Infatti, le notizie che ci sono state confermate dal sodalizio del presidente Saracino dicono che Josip Samojlovic dovrà stare fermo per tre settimane in seguito all’infortunio alla caviglia rimediato nel match di Mola; mentre per Raffaele Mazzilli lo stop è di una settimana, senza dimenticare l’infortunio di Henry Pwono. L’Olimpica, anche di fronte alle difficoltà estreme capitate pure nella stagione precedente, ha sempre messo il cuore e la grinta e così sarà senz’altro anche stavolta. Naturalmente la tifoseria come sempre incoraggerà al meglio i propri beniamini in questa difficile prova, che verrà diretta da Crudele di San Severo e Acella di Corato.

CONDIVIDI