Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare: la trasferta di Galatina era temuta sia perché i leccesi venivano dal pareggio interno col Barletta, sia perché poi una pioggia copiosa ed un terreno di gioco ridotto ad un pantano, incrementavano la difficoltà della sfida. L’Audace Cerignola però esce vittorioso dal “Giuseppe Specchia” per 0-2, sfoggiando un gran carattere ed una voglia di combattere assai sostanziosa. Mister Farina, fra residui di squalifiche ed infortuni, rivoluziona lo schieramento rispetto alla gara contro il Casarano con ben cinque volti nuovi: Vurchio in porta ed il rientro di Ciano in difesa; l’esordio di Martinez a destra dal 1′ con Rinaudo dalla parte opposta come esterni alti; Ladogana a far coppia con Morra in attacco. Il Galatina di Mosca va in campo in un 3-4-3 col rientrante Paulinho, Macchia e Chiriatti a comporre il tridente offensivo. Pioggia copiosa, costante e pressoché senza tregua: l’Audace si presenta con una stoccata di Oliva al 5′, che lambisce il palo alla sinistra di Esposito. Rinaudo calcia alto col mancino, ospiti disposti con un 3-4-1-2 in fase di avanzamento, pronto a mutarsi a volte in un 5-3-2 in ripiegamento. Al 23′ la prima svolta: Altares fa partire l’azione, proseguendo la sua avanzata: la sfera finisce ad Albanese che poco oltre il limite dell’area calcia in porta, Esposito non trattiene e Morra lo evita, passando allo stesso difensore spagnolo che segue gli sviluppi e sigla la sua prima gioia italiana. Alla mezzora, Rinaudo esce malconcio da uno scontro aereo: il laterale (frattura scomposta delle ossa nasali) lascia il posto ad Amoruso, al rientro in campo dopo un lungo stop, ed Albanese a scalare sull’out mancino. I biancostellati riordinano le idee e si fanno minacciosi: al 37′ è colossale l’occasione divorata da Macchia, il quale manda alle stelle da ottima posizione su respinta corta di Sakho. Martinez è provvidenziale nel ribattere il tiro a botta sicura dello stesso Macchia, Vurchio alza in corner l’infida parabola di Paulinho nella parte finale di prima frazione più favorevole ai padroni di casa.

Il Cerignola all’intervallo sostituisce Ladogana con Colucci: ora è 3-5-2 per gli ofantini, mentre il rettangolo verde è reso sempre più scivoloso e viscido dalla pioggia. Minuto 53: Amoruso guadagna una punizione dai 25 metri, leggermente spostata sulla destra. E’ la piazzola ideale per Carmine Marinaro che mira, punta e disegna col sinistro una pennellata d’autore che toglie le ragnatele dal sette. Sul doppio vantaggio, gli ospiti amministrano ma non si sottraggono all’agonismo: tutti i calciatori gialloblu si sacrificano su un terreno impossibile, così il Galatina è costretto a provarci solo da lontano; Vurchio para su Patruno, Verri rientra sul destro e calcia, fuori misura. Un deciso intervento di Sakho sul finale dell’incontro scatena un parapiglia fra le due squadre: cinque minuti per riportare la calma e l’arbitro Patruno che manda negli spogliatoi lo stesso senegalese ed il pari ruolo Mirabet fra i salentini. L’Audace fa festa al triplice fischio, per una vittoria dall’elevato peso specifico e che, col contemporaneo pareggio fra Barletta e Team Altamura, porta i cerignolani ad un punto dalla vetta. Domenica prossima, altro ostacolo non indifferente: c’è un Atletico Vieste in gran salute ed in zona playoff.

PRO ITALIA GALATINA-AUDACE CERIGNOLA 0-2

Pro Italia Galatina: Esposito, Margagliotti, Gubello, Petrachi, Mirabet, Greco, Pastorelli (59′ Cardignan), Patruno, Macchia (59′ Verri), Paulinho (78′ Erario), Chiriatti. A disposizione: D’Adamo, Sozzo, Marasco, Giaquinto. Allenatore: Giuseppe Mosca.

Audace Cerignola: Vurchio, Sakho, Rinaudo (31′ Amoruso), Martinez, Ciano, Altares, Albanese (89′ Matera), Marinaro C., Morra, Ladogana (46′ Colucci), Oliva. A disposizione: D’Ercole, Ragone, Russo, Lasalandra. Allenatore: Francesco Farina.

Reti: 23′ Altares, 53′ Marinaro C..

Ammoniti: Paulinho (PIG); Vurchio, Rinaudo, Ciano, Morra, Amoruso (AC). Espulsi: Mirabet (PIG) e Sakho (AC) all’86’.

Angoli: 2-1. Fuorigioco: 7-1. Recuperi: 3′ pt, 5′ st.

Arbitro: Palumbo (Bari). Assistenti: Morea-Natilla (Molfetta).

CLASSIFICA ALLA SETTIMA GIORNATA

Team Altamura 17; Audace Cerignola, Bitonto 16; Atletico Vieste, Casarano 14; Barletta 12; Otranto 11; Unione Calcio Bisceglie, Noicattaro 9; Gallipoli (-2) 8; Molfetta Sportiva 6; Novoli, Pro Italia Galatina, Avetrana 5; Hellas Taranto 4; Vigor Trani 1.