Non era affatto facile con l’Olimpica ancora priva del play Samojlovic e dell’ariete Mazzilli, ma tutti stanno dando qualcosa di più e anche contro Martina l’Olimpica ha buttato il cuore oltre l’ostacolo entusiasmando tifosi ed appassionati per la carica agonistica di questi splendidi ragazzi. E’ ovvio che dietro c’è il gran lavoro tecnico e di preparazione alle gare di Giovanni Gesmundo e riempie di orgoglio vedere tutti ma proprio tutti entrare in campo con tutta la grinta che serve. Naturalmente questo enorme dispendio di energie psicofisiche a volte fa sbandare paurosamente la truppa gialloblu, anche ieri si è andati sotto di dieci contro un Martina organizzato e preciso al tiro con i tre colored a presidiare il pitturato. Tuttavia con una grande prova collettiva (grande prova di capitan Vuovolo e di Davide Boiardi) con le certezze di Pwono e Morresi e il grande spirito di sacrificio di Cipri (quasi 80 minuti in campo nelle ultime due gare) l’Olimpica si porta a casa la quarta vittoria del campionato. Siamo certi che fossimo stati al completo si rischiava davvero di soffrire di vertigine da classifica. Ma va bene così. Si spera solo di svuotare presto l’infermeria con la netta sensazione che questa squadra sta facendo innamorare tante persone, gente che vede, apprezza e si identifica con un gruppo che tra tanti sacrifici, avversità e ostacoli di ogni genere (ieri si è dovuto giocato quasi alle 21 nella confusione più totale per un assurda concomitanza) riesce sempre a far fronte alle avversità. L’Olimpica giocherà Domenica prossima nel palatifo di Castellaneta dove si prospetta l’ennesima battaglia.

OLIMPICA ECODAUNIA 101 MARTINA FRANCA 88

28/18 41/47 68/63

Morresi 21, Vuovolo 26, Cipri 6, Boiardi 16, Pwono 25, Alvisi 2, Falcone 5, Di Noia, Torlontano, Russo. All: Gesmundo.

CONDIVIDI