Il plesso Carducci dell’Istituto Comprensivo “Carducci-Paolillo” rimarrà chiuso fino al 3.11.2016, a seguito di un’ordinanza straordinaria emessa da Palazzo di Città. Alla base del provvedimento, che ha portato anche all’uscita anticipata degli alunni alle 13.20, la caduta parziale di una contro soffittatura in un bagno a piano terra e di qualche calcinaccio. Il tutto a bagni chiusi.

«Nessun pericolo per la struttura» racconta il dirigente scolastico Giacomo Vitale. «A seguito di tale avvenimento si procederà ad un ripristino nel più breve tempo possibile. Chiaro che, con i bagni chiusi, è impossibile garantire il normale svolgimento delle lezioni».

«Non vi è alcun problema di staticità o pericolo per soffitti o pavimenti – precisa l’ing. Donato Calice, presente nel plesso per lavori di infiltrazioni in alcune aule -, anche perché sono state fatte prove di recente ed esistono relazioni. Sapevamo di un problema al controsoffitto, e non al soffitto – precisa -, e infatti avremmo avuto nei prossimi giorni un incontro con il comparto edilizia scolastica dell’ex-provveditorato, proprio per calendarizzare un intervento».

Nessun pericolo quindi per la scuola o per l’incolumità degli alunni. Un evento simile avvenne nello stesso istituto anche nel 1993 in un bagno attiguo. Nei giorni di chiusura tuttavia si procederà al ripristino del bagno e a ulteriori e più approfondite verifiche.

IL COMMENTO DEL VICESINDACO RINO PEZZANO

“La chiusura temporanea dell’istituto scolastico ‘G. Carducci’ è un atto meramente precauzionale di questa amministrazione, finalizzato anzitutto a consentire sopralluoghi e verifiche accurate su una struttura già monitorata e destinataria di finanziamenti ministeriali di ristrutturazione”. Così il vicesindaco di Cerignola, Rino Pezzano, spiega l’ordinanza n. 92, firmata stamattina, con cui si dispone la sospensione dell’attività didattica della scuola primaria “G.Carducci” fino al prossimo 3 novembre.

Questa mattina il sopralluogo del vicesindaco, accompagnato dal dirigente dei Lavori Pubblici, dott. Clorindo Izzillo, e dalla ditta incaricata dei lavori, Cadinvest srl, per verificare lo stato dei luoghi dopo la notizia del cedimento parziale della controsoffittatura all’interno del bagno degli alunni.

“La visione diretta dello status quo mi consente di rasserenare le famiglie – prosegue Pezzano-: non vi è alcun pericolo per l’incolumità degli studenti. Piuttosto la chiusura è atto meramente prudenziale e consentirà alla ditta incaricata di eseguire gli interventi urgenti di ripristino dello stato dei luoghi e la verifica dello stato di conservazione di tutte le parti strutturali dell’edificio, nell’ambito di una più generale opera di manutenzione già decisa per l’istituto da questa amministrazione”. L’istituto è risultato, infatti, beneficiario del contributo erogato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, nell’ambito del Fondo ‘La Buona Scuola’ per il miglioramento e la valorizzazione dell’istruzione scolastica. Un intervento cofinanziato dal Comune di Cerignola.

“Mi preme sottolineare come l’ordinanza di chiusura coincida parzialmente con il ponte delle festività di Ognissanti e la ricorrenza del 2 novembre” evidenzia il vicesindaco. “Il che ci consentirà di ridurre al minimo i disagi per la popolazione studentesca, che non subirà stravolgimenti sostanziali del percorso didattico”.

ordinanza

  • Cenzino Traversi

    No, non chiudete, aspettate che muoiano 6 o 7 bambini e poi prendete provvedimenti.

  • Pacc

    nessun rischio per nessuno. poi si chiude per un anno
    ah ah ah l’art di pacc