Agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola, diretto dal Vice Questore Aggiunto Loreta Colasuonno, nella serata dello scorso lunedì, durante il normale servizio di prevenzione dei reati in genere, su via Ausiliatrice, notavano GALLO Francesco cl.70, sorvegliato speciale della P.S. con obbligo di soggiorno, alla guida di un’autovettura, benché sprovvisto di patente perché revocatagli proprio a seguito della sottoposizione alla citata misura di prevenzione. Inoltre, appositamente richiesto, dichiarava di non avere con se il decreto di sottoposizione alla citata misura, nonostante l’obbligo di portarlo sempre al seguito. Pertanto, GALLO Francesco veniva tratto in arresto e sottoposto agli arresti domiciliari, come disposto dalla competente A.G..

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nella mattinata odierna, Agenti del medesimo Commissariato di Pubblica Sicurezza hanno tratto in arresto il pregiudicato cerignolano TUFARIELLO Matteo cl.90 per detenzione illegale di arma clandestina e relativo munizionamento. In particolare, al TUFARIELLO Matteo, che si trovava sottoposto alla misura alternativa alla detenzione dell’affidamento in prova ai servizi sociali, gli agenti dovevano notificare il provvedimento di sospensione della citata misura e contestuale accompagnamento in carcere, perché alcuni giorni fa era stato controllato, da personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Barletta, ed era stato denunciato per atti osceni e per aver dichiarato a quegli agenti un falso nome. Tuttavia, poiché vi era fondato motivo che nella sua abitazione potesse essere occultata sostanza stupefacente, gli Agenti procedevano ad effettuare una perquisizione domiciliare unitamente a due unità cinofile antidroga della Questura di Bari. A seguito di forte segnalazione dei cani AMIRA e SAPHIRA, nei pressi della cappa posta sul piano cottura della cucina, si procedeva a smontarla, e lì, nel vano di aspirazione, gli agenti trovavano, debitamente occultata, una pistola calibro 7.65, di fabbricazione spagnola, con matricola abrasa, con inserito il caricatore contenente 5 cartucce dello stesso calibro. La pistola si presentava in ottimo stato di conservazione e ben oleata. Pertanto, TUFARIELLO Matteo veniva tratto in arresto per detenzione illegale di arma clandestina e relativo munizionamento ed associato alla Casa Circondariale di Foggia, così come disposto dalla competente A.G.. Sull’arma, a breve, saranno effettuati accertamenti balistici al fine di verificare se sia stata utilizzata in qualche episodio criminoso.

CONDIVIDI