I Carabinieri della Compagnia di Manfredonia, nello specifico quelli della Stazione di Zapponeta con l’ausilio di personale dell’Aliquota Radiomobile del NORM, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria tre uomini, il 34enne C. V., il 24enne P. M. e il 23enne C. V., il primo di Cerignola e gli altri due di Foggia, con le gravi accuse di concorso in ricettazione e riciclaggio.

Nel primo pomeriggio di ieri, una pattuglia della Stazione di Zapponeta veniva a conoscenza che in località “Cacace” di Zapponeta, in un luogo nascosto dalla vegetazione in aperta campagna, vi erano degli uomini intenti a smontare delle autovetture, probabilmente oggetto di furto. Poiché la zona è nota per essere utilizzata per i reati di ricettazione e riciclaggio di autoveicoli oggetto di furto, dati i numerosi interventi dei Carabinieri in passato proprio per il contrasto a tale fenomeno, veniva immediatamente organizzato un servizio anche con il supporto di una pattuglia del Radiomobile di Manfredonia, al fine accedere nella località contemporaneamente da due ingressi. E così, giunti nelle vicinanze della zona segnalata, i Carabinieri notavano tre uomini all’opera proprio mentre smontavano, con l’ausilio di una motosega e altri attrezzi, tre autovetture, una delle quali era stata già ribaltata.

Appena notati i Carabinieri, però, i tre abbandonavano tutto e si davano a precipitosa quanto inutile fuga all’interno delle campagne circostanti, in quanto, subito inseguiti, venivano bloccati poco dopo dai militari. Ritornati nel logo dove erano stati visti smembrare i veicoli, si accertava effettivamente la presenza di un alimentatore di corrente, una motosega e numerosi attrezzi, oltre ai tre veicoli, una Peugeot 3008, un fuoristrada Hyundai Tucson ed una Citroen C4 Cactus, tutte risultate oggetto di furto, avvenuti rispettivamente il 26.10.2016, il 29.10.2016 ed il 24.10.2016 nella zona di Foggia.

Tutto il materiale e le autovetture venivano quindi poste in sequestro per la riconsegna ai legittimi proprietari, mentre i tre fermati, il più anziano dei quali vanta già precedenti specifici, al termine degli accertamenti, venivano sottoposti a fermo di polizia giudiziaria per i reati di ricettazione e riciclaggio e tradotti presso il carcere di Foggia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Le particolare perizia nel tagliare e smontare le parti del veicolo e lo stoccaggio sono infatti sintomatici di una attività organizzata. L’operato dell’Arma è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria di Foggia.