Il turno numero 9 della Serie C Silver ha ribadito il momento positivo per la Castellano Udas in vetta alla classifica, e quello delicato per l’Olimpica Ecodaunia Basket, fra infortuni ed amarezze. I biancazzurri allenati da Gigi Marinelli hanno battuto 82-91 il Basket Ceglie: l’inizio della partita è stato favorevole ai padroni di casa, che con De Angelis e Argentiero volano in poco tempo sul +9 (16-7); gli ospiti ci mettono un bel po’ a tornare nei binari giusti della sfida (come successo contro Vieste nell’infrasettimanale di giovedì) ed al primo quarto i brindisini chiudono avanti 22-13. Con l’apporto di Mitola e Ododa in cabina di regia, Ceglie mantiene il vantaggio acquisito, ma la capolista decide che è venuto il momento di cominciare a giocare sul serio: Jovanovic sale in cattedra, così come Leo, Cooper e Sims e con l’ingresso di Scarponi micidiale nel tiro da tre punti l’Udas accorcia all’intervallo lungo a -2 (40-38). Il sorpasso all’inizio della terza frazione con la tripla di Cooper, ma i brindisini tornano a farsi minacciosi arrivando fino a -1 con le firme di Argentero. Leo però sbarra la strada e con Cooper la Castellano vola a +12. Ultimo quarto palpitante, non basta l’incitamento del pubblico locale per cercare di superare i biancazzurri, i quali chiudono il match fra l’entusiasmo della propria tifoseria, giunta numerosa per sostenerli. Adesso intensa settimana di allenamenti per preparare il derby contro Manfredonia, battuta in casa di un punto da Altamura.

Terza sconfitta di fila per l’Olimpica Basket: i ragazzi di Giovanni Gesmundo sono stati sconfitti sabato 101-105 dopo un supplementare dall’Adria Bari. Sarebbe ingeneroso sparare a zero contro i gialloblu, che per quanto visto in campo hanno mostrato una condizione di gioco migliore, rispetto alla sconcertante prestazione di Francavilla. Che la formazione barese fosse un avversario ostico lo si sapeva, tant’è che serra le fila sin dai primi minuti del match con Williams e Loprieno; sono i padroni di casa a portarsi avanti, ottenendo un minibreak di 14-4, rintuzzato in poco tempo dagli ospiti che chiuderanno la prima frazione con un distacco di appena 3 punti (23-20). Nel secondo quarto c’è il sorpasso e per l’Olimpica si profila una serata da incubo: Alvisi sprona i compagni e nel giro di cinque minuti arriva una incredibile rimonta, da -12 a -1, prima dell’intervallo lungo (46-47). Fra sorpassi e controsorpassi, gli ofantini danno la sensazione di potercela fare: ma l’Adria Bari -beccata dalla tifoseria locale, in special modo Delli Carri e coach Loizzo per alcuni atteggiamenti sfrontati-, non solo recupera tutto lo svantaggio ma porta al supplementare la partita, dove prevarrà solo all’ultimo minuto. In più la direzione arbitrale ha lasciato parecchio a desiderare, non usando lo stesso metro di guidizio: terza sconfitta consecutiva per l’Olimpica, che avrebbe meritato la vittoria. Prossimo appuntamento con la trasferta a Vieste, che ha visto sospeso il match a Francavilla a 5’ dalla fine del terzo quarto a per impraticabilità del campo: prima della sospensione, i garganici erano avanti 41-45.

CLASSIFICA ALLA NONA GIORNATA

Castellano Udas Cerignola, Cestistica Ostuni 16; Action Now! Monopoli 14; Virtus Ruvo di Puglia, Mola New Basket, Nuova Pallacanestro Nardò 12; Nuova Pallacanestro Ceglie, Libertas Altamura 10; Olimpica Ecodaunia Cerignola, Diamond Foggia, Tamma Angel Manfredonia 8; Francavilla 6; Sunshine Bk Vieste 4; Valle d’Itria Martina Franca, Valentino Castellaneta, Adria Bari 2.

CONDIVIDI
  • Cino Sara

    Sapevamo tutti che era ostico, aveva la bellezza di zero punti!non ho la Forza di scrivere altro, non ho Idee, mi sento Incompleta!

  • Avantitutta

    L’Olimpica si riprenderà presto. Sono bravi e hanno un grande presidente è un ottimo sponsor / imprenditore che li sostiene