Brutta sconfitta per il Cerignola calcio a 5 femminile, nella prima giornata di campionato, contro l’Asd Garganus Msa. Amaro in bocca per le ofantine, che ritornano a casa con 5 goal subiti e solo 3 realizzati in campo avversario. La partita di domenica, giocata presso il palazzetto dello sport di Monte Sant’Angelo, doveva essere una di quelle da vincere ad occhi chiusi (vista anche la vittoria in amichevole contro le biancoblu). Eppure qualcosa non è andato secondo i piani: «Non siamo entrate in campo con lo spirito giusto. Sapevamo che potevamo vincere e questo ci ha bloccate –dichiara il capitano Dilucia–, è stato un duro colpo per noi. Tra infortuni ed influenze abbiamo perso ma ci rifaremo, nulla è perso!».

Al fischio d’inizio, per il Cerignola calcio a 5 femminile sono scese in campo: Daniela Perchinunno in porta, Emilia Dilucia, il difensore Gerarda Frisani, il bomber Ilaria Guercia e la pivot Marisa Balzano. Le calciatrici gialloblu, sin dai primi istanti di partita, dimostrano di aver un forte svantaggio per via del campo: la conseguenza è il goal subito da parte della forte numero 10 padrona di casa, all’ottavo minuto. Ciò segna gravemente il morale delle cerignolane, con svariati errori in difesa e attacco. Piccolo spiraglio di luce solo quando la pivot Balzano riesce a superare le avversarie e su passaggio di Guercia, arriva in porta e segna con un preciso destro che sorprende il portiere. Il primo tempo però, si conclude 3-1 per la squadra del mister Di Marzio.

Il secondo tempo comincia nuovamente con l’ASD Garganus all’attacco e i vari tentativi della Lauriola, della Palumbo e della giovanissima Di Bari (colpiti anche due pali): sull’ennesimo errore del portiere ospite Perchinunno, che lascia la porta sguarnita, arriva il 4-1. Grande prestazione per il duo garganico Palumbo-Longo, ancora a segno ribadendo in rete un pallone finito sul palo. Con il punteggio sul 5-1 e con gli ultimi dieci minuti da giocare, Ilaria Guercia riscatta parzialmente il Cerignola: stanca del gioco insistente e falloso delle avversarie, realizzando una doppietta in area, accorciando il risultato sul 5-3 finale.