Il derby foggiano si tinge dei colori della Libera Virtus: le incontenibili padrone di casa battono il Manfredonia per 3 set a 0. In una delle partite più dinamiche della stagione, il Pala Dileo si accende grazie ai cori allegri dei tifosi nelle tribune e con la sua energia travolge i cuori delle ofantine. Mister Albanese schiera: Altomonte al palleggio e Giordano opposto; Costantini e Martilotti laterali; Piemontese e Di Candia centrali e Tribuzio libero. Per le ospiti invece, scendono in campo: Mileno in regia e Stefania Liguori in diagonale; Roberta Liguori e Barbaro di banda; Padula e Vinciguerra sottorete e Della Torre libero.

Un brillante primo set vede una Costantini eccellente sia in difesa che in attacco ed una carichissima Martilotti, che da vero capitano trascina le proprie compagne: è proprio la calabrese a firmare il 5-3 alla Cav con un potentissimo attacco. Tuttavia c’è un certo equilibrio, anche se Manfredonia concede qualcosa in attacco, sbagliando la mira in diverse occasioni. E’ lotta all’ultimo punto, fin quando Piemontese ha la meglio sulle avversarie con una schiacciata centrale alzata da Altomonte: nonostante Giordano consenta l’ace a Liguori, le ofantine sono avanti (19-16). Set point firmato da Martilotti su ricezione di Giordano e impostazione di Altomonte: il primo periodo si conclude 25-19 per le locali.

Grandi prestazioni nella seconda frazione per la Giordano e per la Martilotti che mette a segno degli aces. La palleggiatrice del Manfredonia Mileno chiude di seconda, ma il vantaggio sipontino è ben presto rimontato dalle virtussine, dopo il precedente servizio out di Roberta Liguori (13-10). Muro vincente per Di Candia e Costantini segna in lungolinea (18-16): Altomonte risponde alla collega ospite e realizza anche lei di seconda. Con un bello sprint finale, Cerignola (25-18) si porta avanti sul doppio vantaggio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel terzo parziale, brillano Di Candia in battuta (4-2), Giordano in attacco con una bordata che travolge la numero 2 avversaria (6-2), e la solita Costantini. La Libera Virtus dilaga e distanzia di netto Manfredonia, fuggendo via costruendo un ampio scarto. Esemplare Pia Tribuzio in difesa, che riesce a recuperare l’ennesimo pallone scagliato dalla Liguori. Piemontese fa sfracelli in posto 3, dominando il muro avversario e si arriva sull’eloquente 22-10. L’ultimo punto è firmato Martilotti dopo la difesa della Giordano e l’alzata della Tribuzio (25-14). Alla fine, tripudio di tutto il palazzetto per la quinta vittoria della Cav, che ora comanda la classifica, anche se in compagnia dell’Asem Bari: un derby dominato dalle gialloblu, autrici di una prestazione davvero impeccabile in tutti i fondamentali.

CLASSIFICA ALLA SESTA GIORNATA

Cav Libera Virtus Cerignola, M2G Solution Asem Bari 15; Brindisi-San Vito Volley, Volley Virtus Orsogna, Grotte di Castellana 14; Volley Manfredonia 12; Pvg Bari, Assitec 2000 Sant’Elia, Coged Teatina Chieti 6; Pallavolo Minturno, Polisportiva Cisterna 88 3; Realcaffèmoka Sirs Sabaudia, Dannunziana Pescara 0.

CONDIVIDI