Continua incessantemente l’attività di prevenzione dei furti di olive nelle campagne di Cerignola ad opera degli Agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola, diretto dal Vice Questore Aggiunto Loreta Colasuonno.

Nella mattinata di mercoledì scorso, la volante, procedendo in viale USA, si imbatteva in due autovetture visibilmente appesantite, perché cariche di sacchi di olive, e pertanto gli operatori decidevano di controllarle. Intimato l’alt ad entrambi i veicoli, uno arrestava immediatamente la marcia mentre l’altro proseguiva, tentando la fuga. Poco dopo veniva bloccato e gli occupanti tentavano invano la fuga a piedi. Una volta bloccati, gli agenti accertavano che a bordo di un’auto vi erano i due maggiorenni e sette sacchi di olive, mentre a bordo dell’altra i due minori e 12 sacchi di olive. L’autovettura su cui si trovavano i due rumeni maggiorenni, una FIAT PUNTO, risultava avere apposta una targa di una Wolkswagen Golf cessata dalla circolazione, mentre il telaio risultava appartenere ad un’autovettura FIAT PUNTO rubata a Bari nello scorso mese di ottobre.

Mentre erano in corso gli accertamenti sull’autovettura, si presentava negli Uffici del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola un cittadino cerignolano che denunciava il furto di olive, subito nelle campagne di sua proprietà nelle prime ore della stessa mattina. In sede di denuncia, precisava che alcuni suoi operai avevano visto uscire dal fondo di sua proprietà due veicoli le cui caratteristiche descritte corrispondevano a quelle condotte dai cittadini rumeni fermati e che il quantitativo di olive sequestrato corrispondeva a quello asportato.

Pertanto, i due rumeni maggiorenni venivano sottoposti a fermo di indiziato di delitto per il reato di ricettazione e furto aggravato in concorso ed i due minori denunciati in stato di libertà per furto aggravato in concorso. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, venivano associati alla Casa Circondariale di Foggia a disposizione della competente A.G..

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Cerignolani bella gente

    Cittadini Comunitari i rumeni. Vengono a Cerignola e immediatamente vanno a farsi la tessera sanitaria, camminano su auto rubate o con dati contraffatti, senza revisione, assicurazione, bollo pagato, rubano nella cassonetti della croce rossa abiti destinati ai veri poveri, li rivendono ai negozi aperti da rumeni a Cerignola che a loro volta rivendono ad altri rumeni.Rubano olive, attrezzature agricole, egli appartamenti, elettronica negli ipermercati, rame, si allacciano abusivamente alla rete elettrica mettendo a rischio l ‘incolumità di altra gente, se li guardi o li rimproveri si avvicinano e magari ti danno una bella coltellata. Se li controllano, che gli fai? Ridono..denuncia a piede libero e via! Se li arresti stanno meglio che a casa! Che dire, i Cerignolani hanno trovato pane per i loro denti. VIVA L’EUROPA ALLARGATA, VIVA L’ITALIA dove la paura del carcere è solo una barzelletta ed ai Cerignolani delinquenti (tantissimi) si sommano i cari Rumeni comunitari.
    P.s. La nuova moda dei Cerignolani? Andare in giro con auto con targa rumena o bulgara,con RCA estera a 100 € (se c’è) e se accade qualcosa rivolgersi al rumeno o bulgaro intestatario dell’auto.VIVA I CERIGNOLANI..grande popolo.

    • …brava gente

      Sono d’accordo con quello che dici…ma si può sapere quali sono questi negozi aperti a Cerignola da rumeni che vendono queste cose?