Sarà una dodicesima giornata di Eccellenza davvero imperdibile: il calendario infatti, incrocia le attuali prime quattro della classe, in sfide ad alta adrenalina. In programma Bitonto-Casarano e, per quanto concerne i fatti di casa nostra, Team Altamura-Audace Cerignola. Gli ofantini sono secondi con 26 punti, a due lunghezze dal Bitonto battistrada solitario: domenica scorsa un pareggio con l’Otranto che ha lasciato l’amaro in bocca e la poltrona principale ai neroverdi. E’ mancata solo la vittoria però: con l’atteggiamento e le conclusioni effettuate verso la porta dei salentini, i gialloblu avrebbero meritato senz’altro di più, ma sono incappati nella classica giornata in cui non tutto va per il verso giusto. Per queste ragioni, il primo punto ceduto per strada al “Monterisi” non è da considerarsi un dramma: la squadra c’è e lo ha ampiamente dimostrato e l’obiettivo è riprendersi con gli interessi quanto sfuggito, a maggior ragione in uno scontro diretto. Farina ha caricato a dovere negli allenamenti i suoi ragazzi, infondendo ulteriore carica e stimoli che già da sé arrivano in incontri di cartello come quelli di domani; 16 punti in sei turni sono un ottimo bottino per l’allenatore ex Torrecuso, che sta plasmando l’Audace su pressing alto, gioco sulle fasce ed una difesa che raramente concede qualcosa. Scontata la squalifica, Carmine Marinaro riprenderà il suo posto di metronomo ed ispiratore della manovra cerignolana, affiancato dalle spalle larghe e dalla prestanza fisica di Pollidori, sempre più in crescita. Per il resto invece, non trapela nulla: il tecnico casertano deve valutare le condizioni di ogni singolo elemento (compreso qualcuno reduce da qualche acciacco) e tiene tutti sulla corda, perché non nuovo ad inserimenti a sorpresa fra i titolari.

Il Team Altamura è l’unica formazione imbattuta nella categoria: sette vittorie e quattro pareggi per un totale di 25 punti, 25 reti realizzate (miglior attacco col Bitonto) e 6 subite. La società biancorossa non ha nascosto i suoi alti propositi già in sede di mercato: dopo l’eliminazione al primo turno dei playoff nazionali lo scorso anno, guida tecnica affidata a Gennaro Di Maio, il quale vuole ripetere l’exploit Gravina con alcuni fedelissimi quali Rana, Montemurro, Sisalli e Fiorentino. I risultati sono in linea con le aspettative: terzo posto in campionato e giovedì la conquista della finale di coppa Italia ai danni dell’Otranto, in una partita difficile ed in bilico fino all’ultimo, ragion per cui i murgiani potrebbero risentirne alla lunga. Un organico completo, che vanta fra gli altri Dibenedetto in difesa, Logrieco e Di Senso in mediana ma sopratutto Umberto Del Core, autore di ben sette centri e fra i vicecannonieri dell’Eccellenza. Altamura tornato a viaggiare con le marce alte -sei punti in due gare dopo tre pareggi consecutivi- e che al “Tonino D’Angelo” è stato fermato solo dal Casarano (0-0).

E’ dall’Eccellenza 2009/2010 che manca un confronto fra Cerignola ed Altamura (allora col nome di Real), finì 1-2 per l’Audace. Calcio d’inizio alle ore 14.30: data l’importanza del match, la direzione arbitrale proverrà da fuori regione ed il fischietto designato è il sig.De Angeli, della sezione di Milano.