Il mondo dell’online è sempre più legato a doppio filo a desideri e gusti degli utenti; questo di pari passo con la crescita dei fruitori che, ormai, scelgono la rete per azioni di vario genere.

Una recente indagine ha evidenziato come, ad esempio, anche in Italia crescano i dati sugli acquisti effettuati tramite la rete. Una parziale inversione di tendenza perché il nostro è, da sempre, un paese non molto aperto a cambiamenti bruschi. Ed effettuare acquisti online, almeno agli occhi degli italiani, rientra tra questi. A fronte di ciò, è possibile stilare una sorta di elenco dei settori online che vanno per la maggiore? E quali sono quelli che, viceversa arrancano o perdono terreno? Avere risposte oggettive diventa veramente difficile perché controllare tutto quello che si muove sullo sfondo del web è sostanzialmente impossibile. Tuttavia alcune indicazioni si possono cogliere.

La musica ad esempio. Era stata, probabilmente, il primo chiavistello usato per scardinare il mondo tradizionale. Nei primi anni di diffusione della rete internet si era assistito ad un mercato selvaggio, spesso non regolamentato, di musica. Proprio per ovviare a questa illegalità sono nati tutta una serie di servizi alternativi al tradizionale acquisto di dischi per consentire agli utenti di scaricare musica a pagamento. Una recente indagine ha messo in luce come questo modello stia sostanzialmente andando in perdita. Gli utenti interessati alla musica opterebbero più per siti gratuiti, in streaming o addirittura che offrano possibilità di scaricare illegalmente file. Sempre più internet quindi per gli appassionati di musica, nel segno della ricerca di un canale gratuito, di qualunque genere, per ottenere quello che si cerca.

Luci ed ombre quindi, e se da un lato il settore dell’online cresce, dall’altro il modello di business non sembrerebbe essere sostenibile. Cosa che non riguarda invece altri comparti, quale ad esempio l’e-commerce. Abbiamo detto della grande crescita di utenti che, in Italia, si affidano alla rete per effettuare acquisti. Una crescita a doppia cifra, che tocca numeri record e che, almeno per il momento, non sembrerebbe presentare fattori di criticità né segnali di future inversioni. Settori come elettronica, abbigliamento, viaggi e vacanze vanno a gonfie vele.

Stessa cosa dicasi per il settore dei giochi e casinò online: l’intero comparto del gambling vive, in Italia, una vera e propria stagione d’oro. Volano i ricavi delle aziende che operano nel settore basti pensare a Starcasino che ha avuto in un anno un incremento della sua quota di mercato del 57%. Il mercato dei giochi ha registrato una spesa per i giocatori di 438,9 milioni ed il leader del settore rimane comunque Lottomatica. Volano i ricavi delle aziende che operano nel settore. Il tutto mentre vengono presi provvedimenti a livello politico volti a limitare la presenza di luoghi fisici per giocare. A tutto vantaggio dell’online, per l’appunto.
Chi sale e chi scende in sostanza, nello sterminato mondo del web: un universo enorme e ricco di opportunità. Sempre più specchio fedele della società nella quale viviamo.

1 COMMENTO

Comments are closed.