Nella giornata di ieri, in due distinte operazioni, i Carabinieri di Cerignola hanno tratto in arresto dapprima NEDELEA LIVIU TUDOREL, cl. ’85, pregiudicato rumeno già sottoposto agli arresti domiciliari per reati relativi alla normativa sugli stupefacenti, e poi MOREO ROBERTO, cl. ’81, pregiudicato cerignolano.
Nel primo caso, i Carabinieri della Stazione di Cerignola, nel corso dei normali controlli ai soggetti sottoposti ad obblighi giudiziari, hanno sorpreso il Nedelea all’esterno della propria abitazione. Lo stesso, che abita a Borgo Tressanti, convinto che la lontananza dal centro abitato di Cerignola gli consentisse di muoversi più liberamente e che mai i Carabinieri avrebbero fatto tanta strada per lui, si è ritrovato all’improvviso faccia a faccia con i militari, che immediatamente lo hanno dichiarato in stato d’arresto. Lo stesso è stato nuovamente sottoposto ai domiciliari in attesa della celebrazione del processo per rito direttissimo.

Nel secondo caso, invece, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del NORM della Compagnia, nel corso di una perquisizione domiciliare presso l’abitazione di Moreo, con vari precedenti penali per rapina, e fino a qualche mese fa sottoposto alla sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno, venivano aggrediti dallo stesso, che mal aveva digerito il controllo dei militari. Anche Moreo è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.