Brutta avventura per un cittadino nigeriano, domiciliato a Cerignola, che si guadagna da vivere chiedendo l’elemosina davanti ai vari supermercati della città.

Infatti, giovedì scorso, sulla linea 113 del Commissariato di P.S. di Cerignola, giungeva una richiesta di intervento in quanto due persone stavano tentando di accoltellarne una terza nel parcheggio del nuovo supermercato Eurospin. Immediatamente, la sala operativa del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola, diretto dal Vice Questore Aggiunto Loreta COLASUONNO, inviava, nel luogo indicato, una pattuglia. Gli agenti, sul posto, sorprendevano due cittadini rumeni, uno armato di coltello e l’altro di forbici da pota, intenti ad aggredire un uomo di colore. Immediatamente venivano bloccati i due aggressori ed assicurati all’interno dell’auto di servizio. Si procedeva al controllo del furgone con cui erano giunti sul posto i due cittadini rumeni, indicato dalla persona aggredita, al cui interno si rinvenivano anche una barra in metallo ed un sacchetto pieno di monetine.

Condotti tutti nel Commissariato, il nigeriano denunciava che, poco prima, i due rumeni gli avevano intimato di allontanarsi dal supermercato, tentando di colpirlo, cosa che non gli riusciva grazie alla sua prontezza di riflessi dapprima ed all’intervento dei due poliziotti in seguito. L’uomo denunciava, altresì, che già qualche giorno prima, uno dei due cittadini rumeni lo aveva avvicinato, mentre era intento a mendicare innanzi ad altro supermercato, e gli aveva intimato di allontanarsi.

I due, identificati per RADUCANU Vasile cl.85 e HRISTEA Nicolae cl.81, venivano tratti in arresto per tentata estorsione aggravata in concorso tra loro in danno del cittadino nigeriano e, dopo le formalità di rito, associati alla Casa Circondariale di Foggia a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

Indagini sono in corso al fine di comprendere la motivazione che ha portato i due cittadini rumeni ad agire con così tanta irruenza nei confronti del povero nigeriano, non escludendo che si possa trattare di un vero e proprio racket dei mendicanti, già diffuso in altre parti di Italia ed ora giunto a Cerignola.

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • pina

    FINALMENTE IL RUMENO PIU’ GIOVANE DEI DUE PER INTENDERCI QUELLO MENO GRASSO, MI SONO DA TEMPO ACCORTO CHE FOSSE PERICOLOSO. PROPRIO L’ALTRO GIORNO L’HO RIVISTO IN ATTEGGIAMENTI STRANI D’AVANTI ALL’ERUROSPIN, STAVO QUASI PER CHIAMARE I CARABINIERI, MA POI HO VISTO CHE SI E’ MESSO A CHIEDERE ELEMOSINE E HO LASCIATO STARE, MA L’HO OSSERVATO PER UN PO DI TEMPO.
    SEMPRE LO STESSO SOGGETTO UNA DOMENICA LO VIDI SUL CORSO TRA LA GENTE CHE NEL SUO CAMMINARE VELOCEMENTE TOCCO SULLA SPALLA UNA RAGAZZINA E POI FUGGI VELOCEMENTE. HO SEMPRE AVUTO L’IMPRESSIONE CHE FOSSE UN SOGGETTO PERICOLOSO. MI PREOCCUPA QUANDO USCIRA’ DAL CARCERE ANCORA PIù IMPAZZITO DI ADESSO.
    LE FORZE DELL’ORDINE DOVEVANO CAPIRLO PRIMA DI ME. SE ME NE SONO ACCORTO IO COME E’ POSSIBILE CHE NON SE NE ACCORGESSERO LORO? OCCHI APERTI CHE CI SONO BAMBINI IN GIRO. SVEGLIAA SOPRATTUTTO ALCUNI POLIZZIOTTI CERIGNOLANI CHE LI VEDO TOTALMENTE ASSONNATI.

    • antonio

      altro che estorsione sono capaci anche di peggio quei due. svegliaaaaaa.

      colasuonnoo svegliaaaaa