Arrivano numerosi messaggi di cordoglio per la scomparsa di Salvatore Tatarella, morto oggi all’età di 69 anni. Di seguito il ricordo e la vicinanza alla famiglia delle Istituzioni, dal sindaco Metta al segretario del Pd provinciale, Piemontese.

IL COMMIATO DEL SINDACO FRANCO METTA

Salvatore Tatarella ci guarda dal cielo. Dal Cielo dei giusti, dal Cielo dei grandi Cerignolani. Nessuna parola può esprimere lo strazio personale, il dolore di tutta la Città. Da oggi, tutti, abbiamo un motivo in più per essere coraggiosi, retti, capaci. Salvatore ci guarda e dobbiamo essere quali Egli avrebbe voluto noi fossimo. Cerignola lo aspetta per l’estremo saluto civile, nella sala Consiliare Comunale, per la cerimonia religiosa nella Cattedrale. Ricordo a tutti che Salvatore volle, lo scorso otto settembre, seguire l’icona della Mamma Nostra della Ripa Alta nel corso della solenne processione per le vie della Città. Fu il Suo modo di salutarci tutti e di raccomandarsi a tutti perché il Suo infinito amore per Cerignola trovi in Noi tutti i Suoi eredi. Fratello mio, riposa in pace.

LE PAROLE DEL SEGRETARIO PD DI CERIGNOLA TOMMASO SGARRO

A Rimini durante l’assemblea nazionale degli amministratori arriva da Cerignola la notizia della morte di Salvatore Tatarella che della nostra città è stato amministratore, Sindaco. Uno dei tanti brutti scherzi che il destino spesso riserva. Una pagina di storia della nostra città ci lascia – scrive sul proprio profilo facebook Sgarro -. Un pezzo di storia dove la dialettica tra le parti era dura, aspra, sui temi, da fronti opposti, ma di grande chiarezza delle posizioni politiche e rispetto tra le persone. Tutta la mia vicinanza va in questo difficile momento alla famiglia, ai figli, alla moglie.

IL CORDOGLIO DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA

Il presidente Mario Loizzo esprime il cordoglio dell’intero Consiglio regionale della Puglia e la propria sentita partecipazione personale per la scomparsa dell’on. Salvatore Tatarella. “Interpretando i sentimenti dell’intera Assemblea, mi unisco con commozione al dolore dei familiari”. Nato a Cerignola nell’ottobre 1947, avvocato, già sindaco di Cerignola, amministratore comunale a Bari, parlamentare nazionale ed europeo, Tatarella è stato consigliere regionale nella quinta legislatura, eletto nella lista del MSI-DN della circoscrizione di Foggia. Eletto sindaco di Cerignola, ha dovuto lasciare nei primi del 1994 il seggio in via Capruzzi per incompatibilità.

ANTONIO GIANNATEMPO 

I grandi uomini, le persone vere non si dimenticano mai, per questo resterai nel mio cuore fino all’ultimo battito. Ciao Salvatore

GIANVITO CASARELLA

Ha dato un sogno ad un’intera città, a tante generazioni. E lo rispettavi anche se non eri d’accordo. Dispiace tantissimo

ELENA GENTILE

Salvatore Tatarella: io lo ricordo così’. Diversi per cultura politica, le nostre visioni erano inconciliabili. Dunque “Avversari” mai ” Nemici”. Un rapporto personale ed umano conservato nel tempo perché incardinato saldamente in quel profilo di relazioni che si fondano appunto sul rispetto reciproco. Ricordo i nostri confronti accesi nell’aula consiliare del Palazzo di Città’,mai scaduti nel pantano della mediocrità in cui oggi galleggia parte della politica ( aggiungo) presunta tale. E ricordo anche le sue ” provocazioni”, le sfide ritenute lontane dalle mie possibilità’.
Durante la mia prima campagna elettorale mi ripeteva continuamente che i ” comunisti” non avrebbero mai votato per una candidata che non apparteneva alla loro ” razza” e fui..la prima degli eletti! Come ricordo il suo intervento sul Corriere all’indomani della mia nomina ad assessore al Welfare: una “deleguccia di complemento” definì quella responsabilità affidatami salvo poi a mostrare attenzione ed apprezzamento per i risultati ottenuti.
Ma il ricordo che conserverò di Lui e’ legato al mio ultimo giorno da Sindaco. a quella notte, a quelle sue parole di saluto…alle parole di un “Avversario”capace di riconoscere il valore delle storie altrui che un “Nemico”non avrebbe mai pronunciato.
A Paola, Fabrizio, Annalisa e Giuseppe, il mio più affettuoso abbraccio. 

IL MESSAGGIO DEL CAPOGRUPPO DI FEDERAZIONE CIVICA FRISANI

“Il Movimento politico di Federazione Civica esprime il proprio cordoglio per la scomparsa di Salvatore Tatarella e si unisce al dolore della famiglia, degli amici e di quanti lo conoscessero”. A comunicarlo è il Capogruppo Ale Frisani, non appena è venuto a conoscenza della scomparsa dell’ex sindaco di Cerignola, deputato ed europarlamentare. “Uomo di grande spessore – aggiunge –, Tatarella verrà ricordato sicuramente come una delle personalità di rilievo nel panorama politico cerignolano e non solo. Perdiamo una persona che ha profuso impegno e passione fino alla fine a vantaggio della nostra comunità”.

“Profondo conoscitore del proprio territorio – continua Frisani –, è stato uno dei primi a capire, già dai primi anni ’90 e durante il suo mandato di sindaco, che bisognava puntare sulla cultura, con il recupero del Teatro Mercadante, e su una metamorfosi urbanistica, industriale ed economica, diventando fedele interprete dei desideri della popolazione cerignolana così da garantirle un periodo di vivace e proficua stabilità. Anche quando il ruolo istituzionale lo ha portato lontano dall’amata Cerignola – aggiunge – il suo pensiero era incentrato sul benessere della città”. “Salvatore Tatarella – conclude Frisani – era una persona perbene, un amministratore capace. Passione, competenza, rispetto per la cosa pubblica sono le qualità che sempre hanno accompagnato il suo agire politico, personale e professionale, e che oggi restano d’esempio per le nuove generazioni”.

PIEMONTESE: “VALORI ED IDEE PROFONDAMENTE DIVERSE, MA E’ STATO UNO DEI PROTAGONISTI DELLA POLITICA POST TANGENTOPOLI”

Intelligenza, cultura e ironia erano i tratti salienti della personalità politica di Salvatore Tatarella, che ha speso la sua intera vita al servizio degli ideali in cui credeva e per i quali ha lottato. Lui che è stato tra i protagonisti della stagione politica post tangentopoli ha saputo interpretare in modo innovativo la funzione amministrativa e la rappresentanza elettorale, guadagnando per Cerignola un importante ruolo nello scacchiere regionale. La profonda alterità dei nostri valori e delle nostre idee non mi ha impedito di apprezzare la qualità delle sue riflessioni sull’evoluzione della politica e l’impegno, da ultimo come europarlamentare, per la terra che ha tanto amato e servito. A nome dell’intera comunità del Partito Democratico della Capitanata esprimo le più vive condoglianze alla famiglia e la nostra vicinanza a quanti hanno condiviso il suo lungo percorso di militanza politica.

Colomba Mongiello, “Stima e rispetto reciproci radicati nella militanza di base e nell’attività istituzionale”

Con Salvatore Tatarella abbiamo condiviso la militanza politica e la rappresentanza istituzionale. Mai siamo stati dalla stessa parte e mai è mancato il rispetto reciproco, consapevoli della comune appartenenza alla militanza di base, quella che si nutriva di ideali e valori. Amava studiare ciò di cui si occupava e ha sempre avuto una non comune attenzione alla comunicazione politica, segno tangibile della capacità di interpretare lo spirito del tempo in cui si è trovato a svolgere l’attività politica. Solo la malattia è riuscita a fermare la sua curiosità per nuove forme di impegno civico e la sua passione per il confronto ed il dibattito sui temi di maggiore interesse per la comunità cerignolana, a cui si sentiva profondamente legato. Alla sua famiglia esprimo il mio più profondo cordoglio. 

Nunzio Di Giulio, ex ispettore capo della Digos di Cerignola

Non ho parole per descrivere il dolore che questa notizia mi da, mi ha sconvolto. Mi unisco alla sofferenza della famiglia. Mio caro Salvatore arrivederci in cielo. 

  • Cordoglio alla famiglia

    Grande Personalità Politica, Salvatore Tatarella, un uomo che ha saputo cambiare radicalmente in tutto e per tutto questo difficile paese, e non tutti riusciranno a cambiarlo come ha fatto lui passeranno secoli non ci sarà il secondo Tatarella era l’unico al mondo, in quei anni 90 di guerra a Cerignola Stravolse Cerignola in un cambiamento totale, che altri paesi e città ci invidiavano, Serietà, Sicurezza, Obiettività in tutti campi e regole ferree; Grazie Tatarella del tuo Grandissimo contributo a tutti i Cittadini.

  • sabino cirulli

    Salvatore Tatarella fa parte di quella categoria di figure istituzionali che, al di lá degli schieramenti ideologici, rappresenta i politici di una volta. Dove la vis dialettica era sostenuta dalla cultura, dal confronto con gli avversari sempre e unicamente nel rispetto della collettivitá e dello Stato. Una politica forte e appassionata, lontana dalla pochezza dell’attualitá dove si scambia il virtuale per il reale, dove la veritá assoluta pare essere detenuta soltanto dal web. Dove quello che si dichiara sui social passa per opere edificate nella realtá. Onore a chi ha fatto tanto per l’emancipazione della sua cittá negli ultimi anni del XX sec. Profondo cordoglio per la sua scomparsa e vicinanza alla sua famiglia in questo doloroso momento

  • Pinuccio Bruno

    Per coloro che hanno
    conosciuto Salvatore Tatarella , ed io a maggior ragione sono fra costoro
    essendo stato alle sue dipendenze in
    qualità di vigile urbano, non possono rimanere indifferenti di fronte alla
    sua dipartita. La notizia , sebbene non
    inaspettata considerato il suo stato di salute ultimo, provoca ugualmente ed inevitabilmente
    sentimenti di profondo cordoglio. Egli,
    in qualità di Sindaco ha saputo farsi stimare per il suo operato. Ha lasciato nella cittadinanza l’ indelebile
    impronta di amministratore corretto,
    concreto, integerrimo. Di convesso, la
    stessa ne è sempre stata grata e riconoscente. Alla moglie ed ai figli, attraverso codesta Testata, giungano le mie più sentite condoglianze.

  • LUDWIG

    CON TE, UN PEZZO DELLA STORIA IMPORTANTE DI CERIGNOLA SE N’E’ ANDATO.
    CHE IL TERRENO TI SIA LIEVE.

  • Gianluca

    In questa vita di transizione, c’è qualcosa di più importante che lasciare un segno indelebile
    nella memoria della propria gente??
    Se chi ci governa avesse bene impresso in mente questo come fine ultimo, le cose andrebbero
    nettamente meglio. Alla fine solo questo resta, il ricordo che lasciamo nei nostri cari e in chi ci ha conosciuti, spetta solo a noi scegliere con i fatti se positivo o negativo.
    Sentite condoglianze alla famiglia Tatarella.