L’ormai prossima attivazione della Zona a Traffico Limitato a Cerignola divide la città, per modi, tempi e “regolamentazione”. Un provvedimento che dopo il fermento dell’estate scorsa era caduto nel dimenticatoio, da dove, nel periodo natalizio, lo ha ripreso il dirigente del settore Francesco Delvino per darne opportuno seguito.

Nessuna concertazione con i commercianti e i residenti, lamentano questi ultimi, e nessuna risposta alle reali esigenze di viabilità della cittadinanza, secondo molti cittadini.

Domenica scorsa, in un incontro aperto a commercianti e associazioni di categoria, i consiglieri di centrosinistra hanno esposto le proprie perplessità circa i “modi” di realizzazione di un simile atto, ma soprattutto raccolto le esigenze delle associazioni di categoria, quasi tutte contrarie a “questa” Ztl.

Al consigliere Mario Rendine, che aveva definito nelle scorse settimane «capestro» il provvedimento, perché orientato esclusivamente a «sanzionare i cerignolani», si aggiungono le argomentazioni del neo consigliere provinciale Tommaso Sgarro. «Non si può pensare ad un provvedimento di chiusura a tappeto dell’intero corso cittadino, senza tener presente la stagionalità, gli orari delle attività commerciali, la differenza tra giorni festivi e feriali. Ma ancor di più, non si può evitare di ascoltare i commercianti e i residenti. Una Ztl deve essere una scelta partecipata e condivisa il più possibile – chiosa il segretario cittadino del PD -, mediando le ragioni politiche con le istanze dei cittadini».

In accordo con Sgarro molti dei commercianti intervenuti all’incontro, per i quali una zona a traffico limitato così organizzata rappresenterebbe un ostacolo alle proprie attività.

E dello stesso avviso sono anche le associazioni di categoria. Per Carlo Simone, presidente provinciale di Confesercenti «le aree pedonali devono essere attrattive e accoglienti, senza ridursi a semplici strade chiuse». Infatti «dovrebbero essere conciliate con le esigenze di sviluppo delle aree del commercio, ma anche con quelle del traffico e dei trasporti».

La pioggia di sanzioni rilevate dalla videosorveglianza e piovute sulla testa dei cerignolani, unite alle modalità con cui la “zona” sta prendendo forma spaventano non poco la cittadinanza, ma soprattutto alimentano anche certe “fantasie”. Infatti nel bilancio di previsione si passa repentinamente, da un anno all’altro, da 300 mila euro di multe a 6 milioni di euro. Diventa così difficile non pensare che la Ztl sia un modo per mettere le mani nelle tasche dei cittadini ad ogni costo.

  • FRANCESCO

    ASFALTO ASFALTO LE STRADE SONO TUTTE ROTTEEEE!!!!!!!!!!!

  • Nerone

    Ognuno ha i propri interessi a cui non vuole rinunciare che spessissimo contrastano con quelli degli altri. I cerignolani al volante sono indisciplinati e bisogna educarli al rispetto delle regole; Alcune scelte sono discutibili altre migliorabili ma se si fa..si sbaglia..se non si fa..si fa opposizione..dove tutto è sbagliato e dal PD tutto sarebbe stato fatto meglio..nel rispetto delle esigenze dei commercianti, dei residenti, dei passanti, dei forestieri, dei delinquenti, delle migliaia di incivili, di paperino, topolino e bla..bla..bla..! Nelle città del mondo, le cose si fanno e i cittadini si adeguano, rispettano le regole ed imparano a vivere civilmente. Di contro, questo modo di fare opposizione non fa altro che consolidare nel cerignolano medio l’idea che ognuno deve guardare al proprio interesse a discapito della collettività. Certo si può sempre fare meglio ma alle prossime elezioni il prezzo lo paga chi le cose prova a farle e non certo il PD che con questo modo di fare opposizione il mio voto non lo avrà MAI!

    • Cittadino

      Cittadino

      • Cittadino

        E chi lo vuole il tuo voto…

  • FRANGO?? MA CHE VE FACENN

    ZTL A CERIGNOLA??? PAGLIACCI NEANCHE AL MONOPOLI SAPRESTE AMMINISTRARE UNA CITTA’ !

  • Michele

    Questo commento è rivolto ai “tecnici” che hanno combinato sto casino… le strade attorno al corso sono diventate un labirinto, non si capisce da che parte andare, via Curiel dove abito è una fila continua di macchine, smog e inquinamento acustico da non poter aprire le finestre, e siamo ancora in inverno…! Mi pongo una domanda… ma a che cacchio serve sta ZTL così com’è, per far passeggiare quattro persone per il corso centinaia di altri incasinati nel traffico… bhooo

  • Luigi

    Poi mi spiegherà il genio che ha cambiato il senso di marcia di tutte le arterie laterali al corso principale, quale sarebbe il criterio logico adottato… a me pare fatto a posta per “indurci in contravvenzione”. Manco stessimo a Roma o Milano. Non a caso nel bilancio di previsione la voce proventi da contravvenzioni, pare sia salita a dismisura.
    Va bene adeguarsi, ma a che prezzo?!